Newsletter, Omaggi, Area acquisti e molto altro. Scopri la tua area riservata: Registrati Entra Scopri l'Area Riservata: Registrati Entra
Home / Blog / Neuroscienze e Cervello

Modifica le tue emozioni e modificherai il tuo cervello

Neuroscienze e Cervello

Modifica le tue emozioni e modificherai il tuo cervello

Neuroscienze e Cervello

Modifica le tue emozioni e modificherai il tuo cervello

Grazie alle Neuroscienze, oggi sappiamo che il cervello possiede una straordinaria capacità di modificarsi, conseguentemente alle esperienze vissute


Redazione Scienza e Conoscenza - 18/07/2020

Questo articolo è stato scritto da Flavia Petralia*


Il modo in cui codifichiamo ciò che accade attorno noi, ha un ruolo centrale nella struttura del nostro cervello. Quello che accade all’esterno di noi, viene recepito in un dato modo che genererà un’emozione (sia essa positiva o negativa) capace modificare la struttura del nostro cervello. 

Assecondando questa scoperta possiamo quindi facilmente intuire che quello che noi diventiamo, può essere modificato. Per portare degli esempi pratici, possiamo fare riferimento alla meditazione. È stato, infatti, scoperto che le tecniche meditative riescono a modificare positivamente la nostra struttura cerebrale. La meditazione è una pratica che, se eseguita con costanza, riesce a indurre l’individuo ad uno stato di benessere. Detto ciò, possiamo iniziare il nostro percorso, dando per certo che le nostre emozioni giochino un ruolo determinante nella nostra vita. 

Le emozioni, possono essere ricreate dentro di noi esattamente come accade durante le pratiche meditative. Per facilitare la comprensione di quanto sto esponendo, voglio portare l’esempio degli attori che eseguono il metodo Stanislavskij.

Questo metodo si basa sulla ricerca di un’emozione vissuta nella loro vita, che possa richiamare lo stato d’animo del personaggio che interpretano. In questa ricerca, se il personaggio sarà un uomo tipicamente depresso e distrutto dalle vicissitudini della vita, l’attore dovrà ricercare dentro se stesso, quella situazione in cui si è sentito talmente demoralizzato da poter trovare un punto di connessione con i tratti distintivi del ruolo da interpretare. Una volta trovata, nell’archivio della sua memoria, quella esperienza dovrà conviverci fino a fondere quello che ha provato in quel dato momento della propria esistenza, con il personaggio da interpretare. Non sono pochi i casi di attori che dopo aver interpretato un ruolo per diverso tempo, abbiano avuto difficolta a ritrovare la personalità in cui si rivedono. A fronte di ciò, studi approfonditi dimostrano come per innescare un’abitudine, serva un numero di giorni pari a 21, nello specifico, dai 21 giorni in su. Nel libro Psicocibernetica, il famoso autore Maxwell Maltz, medico chirurgo plastico, ha notato come nei suoi pazienti, che venivano sottoposti a interventi di plastica facciale, servisse un tempo pari a 3 settimane per abituarsi al loro nuovo volto. 

​Migliorare la propria vita​

Possiamo,dunque, provare attraverso noi stessi a modificare la struttura del nostro cervello.

Abbiamo assodato che le emozioni che proviamo, sono capaci di generare uno stato di benessere o malessere e abbiamo anche capito che possiamo generare queste emozioni prescindendo dalle situazioni esterne (vedi la meditazione). A questo punto, iniziate a provocare dentro di voi lo stato emotivo desiderato, partendo da quella situazione in cui siete stati talmente bene da sentirvi realmente felici (metodo Stanislavskij) esattamente come farebbero gli attori. 

Create un personaggio da interpretare, pochi minuti al giorno, che abbia le caratteristiche emotive che voi volete acquisire nella vostra quotidianità. 

La sera, prima di andare a dormire, interpretate questo personaggio, per pochi minuti, ma cercate di addormentarvi trattenendo quella sensazione.

Il vostro risveglio sarà in linea con l’emozione con cui vi siete addormentati. Continuate cosi, per tutte le sere, per quanto tempo desiderate.

Stilare una lista

Quando avrete definito che tipo di emozioni vorreste provare, scrivetelo in un foglio e, man mano che provate delle sensazioni piacevoli, coerenti con ciò che desiderate, annotatele. Potete scrivere tutte le emozioni che volete provare, dedicando qualche minuto alla pratica, ogni giorno.

Se volete essere più dettagliati, immaginate il tipo di persona che voi vorreste essere, create un personaggio che possieda tutte le caratteristiche mentali ed emotive che voi desiderate trattenere nella vostra vita ed iniziate a interpretare, ricordando di farlo proprio come degli attori che ricercano dentro se stessi le stesse emozioni del personaggio che devono interpretare.

Ricercate le emozioni che volete provare, dentro le vostre esperienze passate, questo è un lavoro intimo, che solo voi potete fare, perché solo voi sapete quali esperienze della vita hanno portato uno stato di assoluto benessere. Quando troverete il ricordo, ricreate l’emozione e trattenetela con voi, per pochi minuti la sera, prima di addormentarvi e quando vi verrà semplice farlo, iniziate anche per qualche minuto al giorno. 

La versione migliore di voi stessi

Il personaggio che avete creato altro non è se non la migliore versione di voi stessi. Andiamo più a fondo nella comprensione di questa frase.

La persona che voi vorreste essere è esistita ed esiste ancora dentro di voi. Se andate a ricercarla nelle vostre esperienze passate, vedrete che, anche se forse solo per pochi giorni o per pochi attimi, quella persona ha avuto modo di esprimersi in termini di emozioni e il vostro cervello ha modificato la sua struttura che, a seguito di altre esperienze, si è ulteriormente modificato. Adesso sappiamo che per rimodificare nuovamente la struttura del nostro cervello con un fine migliorativo, dobbiamo ricreare delle emozioni coerenti con ciò che vogliamo. 

Creare partendo da zero

Ricordiamo l’importanza delle emozioni ma non dimentichiamo che non siamo le stesse persone che dieci anni prima hanno provato quello che ora cerchiamo di ricreare dentro di noi. La ricerca non è finalizzata a ritornare ad essere ciò che si era un tempo, l’evoluzione fa parte della nostra esistenza, andare indietro non è auspicabile, né possibile, perché negli anni che ci separano da quello stato d’animo, abbiamo accumulato un bagaglio di esperienze, forse estremamente negative che dobbiamo conservare con noi, al fine di modificare noi stessi sempre sotto uno spirito evolutivo. Quelle esperienze negative rappresentano lo stato d’animo che non vogliamo ricreare. Sono il nostro campanello d’allarme e qualora ci riavvicinassimo a quel tipo di emozioni, le riconosceremmo subito, ricordando anche quali conseguenze negative potrebbero arrecarci.

Da questo momento in avanti, fatto di consapevolezze nuove, quello che creerete sarà una persona diversa, una persona capace di comprendere con quali emozioni vuole convivere al fine di modificare in senso migliorativo ogni sfera della propria vita. ​


*Flavia Petralia
È una Life & Business Coach.
Laureata in comunicazione con un Master in Coaching Evolutivo, pubblica nel 2017: Yakamoz, romanzo di crescita personale in chiave fantasy e redige articoli di attualità per la testata giornalistica: La spia. Nel 2020 pubblica il magazine-book: Successo e Neurocoaching incentrato sul trait d’union filosofico, scientifico ed esperienziale. 


Redazione Scienza e Conoscenza
Team di redazione della Rivista Scienza e Conoscenza, la rivista ufficiale del Gruppo Editoriale Macro. Trimestrale di medicina integrata, medicina... Leggi la biografia
Team di redazione della Rivista Scienza e Conoscenza, la rivista ufficiale del Gruppo Editoriale Macro. Trimestrale di medicina integrata, medicina non convenzionale, scienza indipendente, coscienza e consapevolezza. La redazione si avvale di un comitato scientifico di medici, ricercatori, scienziati e giornalisti che collaborano in modo... Leggi la biografia

Potrebbero interessarti altri articoli del blog



L'argento Colloidale
Omaggio L'argento Colloidale

Iscriviti a My Macro e ricevi questo omaggio!

Voglio ricevere L'argento Colloidale