Newsletter, Omaggi, Area acquisti e molto altro. Scopri la tua area riservata: Registrati Entra Scopri l'Area Riservata: Registrati Entra
Home / Blog / Medicina Integrata

Hericium erinaceus: il fungo che fa ringiovanire di 23 anni

Medicina Integrata

Hericium erinaceus: il fungo che fa ringiovanire di 23 anni

Medicina Integrata

Hericium erinaceus: il fungo che fa ringiovanire di 23 anni

L’Hericium erinaceus è un fungo edibile con una lunga tradizione di utilizzo nella medicina orientale per le sue proprietà benefiche a sostegno delle funzioni del tratto gastroenterico e del sistema nervoso centrale: ora uno studio italiano ne dimostra l'efficacia sulle malattie neurodegenerative


Stefania Cazzavillan - 06/02/2020

Il seguente articolo è tratto da Scienza e Conoscenza 71.

L’invecchiamento porta a declino cognitivo e locomotorio. Tale declino è associato a un peggioramento della qualità della vita e può avere effetti negativi sulla salute. La “fragilità” è considerata una vera e propria sindrome associata all’invecchiamento. Fragilità cognitiva e motoria evolvono parallelamente. L’Hericium erinaceus è un fungo edibile con una lunga tradizione di utilizzo nella medicina orientale per le sue proprietà benefiche a sostegno delle funzioni del tratto gastroenterico e del sistema nervoso centrale.
Dati in letteratura hanno dimostrato effetti neuropreventivi, neuroprotettivi e di sostegno e recupero in presenza di alterazione delle funzioni cognitive e di malattie neurodegenerative, quali il morbo di Alzheimer e di Parkinson. Le molecole ritenute principalmente responsabili di tali effetti sono le erinacine presenti nel micelio del fungo e gli ericenoni presenti nel corpo fruttifero. Per le loro particolari caratteristiche chimiche, le erinacine e gli ericenoni non sono presenti nell’estratto acquoso del fungo, per cui è preferibile l’utilizzo del fungo intero (micelio e corpo fruttifero).

Uno studio italiano ne dimostra l’efficacia

Questo fungo è stato studiato all’Università di Pavia dal gruppo della professoressa Paola Rossi in modelli animali di topi “anziani” per valutare i suoi effetti su entrambi le tipologie di fragilità. Caratteristica interessante di questo studio è la traslabilità sull’uomo. Sono state infatti applicate ai topi dosi corrispondenti a 1 g al giorno nell’uomo, l’Hericium è stato somministrato per via orale e la sua composizione è stata accuratamente caratterizzata. I tempi di somministrazione (2 mesi) corrispondono a circa 4-5 anni per l’uomo.
Nello studio è stata correlata l’età del topo con quella dell’uomo e i tempi sperimentali sono stati adattati di conseguenza. I topi sono stati osservati fino a 21,5 mesi (72 anni, nell’uomo) quindi è stato somministrato l’Hericium fino a 23,5 mesi (età umana corrispondente ai 79 anni).
È importante notare che, nell’uomo, l’età di 77,4 anni corrisponde all’invecchiamento e aumento del rischio di demenza e di alterazione delle abilità cognitive (memoria, apprendimento, orientamento, linguaggio, comprensione giudizio).

La memoria ringrazia

La supplementazione di Hericium nei topi ha dimostrato effetti non significativi sulla fragilità locomotoria, ma ha dato risultati eccezionali sulla fragilità cognitiva

Sono stati infatti osservati miglioramenti significativi della memoria con un’inversione del declino cognitivo da 23,5 a 17 mesi (da 79 a 57 anni nell’uomo) rispetto ai controlli senza Hericium. Un ringiovanimento cognitivo di circa 23 anni e, a livello istologico, un aumento importante della neurogenesi sia a livello ippocampale che cerebellare. 

In pratica l’Hericium aumenta significativamente la sintesi di nuovi neuroni a livello ippocampale e cerebellare e determina un ringiovanimento cognitivo paragonabile a 23 anni nell’uomo. In sostanza è come se l’assunzione regolare di Hericium portasse a ringiovanire le funzioni cognitive da circa 80 a 57 anni! 

Continua la lettura su


Stefania Cazzavillan
Biologa specializzata in Genetica, ha conseguito nel 2006 il Diploma di Naturopatia Tradizionale cum laude presso la Libera Università Italiana di... Leggi la biografia
Biologa specializzata in Genetica, ha conseguito nel 2006 il Diploma di Naturopatia Tradizionale cum laude presso la Libera Università Italiana di Naturopatia Applicata (IRL). Dal 2004 è membro del GSMI (Gruppo di Studio di Medicine Integrate) e dal 2006 è parte integrante dell’International Mycoptherapy Institute (IMI) di cui è... Leggi la biografia

Potrebbero interessarti altri articoli del blog



Che cos'è l'Energia?
Omaggio Che cos'è l'Energia?

Iscriviti a My Macro e ricevi questo omaggio!

Voglio ricevere Che cos'è l'Energia?