Newsletter, Omaggi, Area acquisti e molto altro. Scopri la tua area riservata: Registrati Entra Scopri l'Area Riservata: Registrati Entra
Home / Blog / Consapevolezza e Spiritualità

Buddha: grasso o magro?

5 condivisioni


Sara Raggini - 01/01/2016

Un uomo grasso, calvo, con una sacca sulla spalla o sulla pancia: la classica raffigurazione di Buddha. Eppure, questo non era il vero aspetto di Buddha.
Tutti gli storici concordano sull’esistenza di Buddha e nella sua identificazione con Siddharta Gautama, un uomo di famiglia nobile, vissuto nel VI secolo a.C. in India.

 


La giovinezza di Buddha

 

Nonostante il padre lo avesse fatto sposare all’età di 16 anni, Siddharta aveva un modo di vita molto diverso da quello della sua famiglia. Amava riflettere e meditare sin dall’infanzia, fino al punto in cui all’età di 29 anni decide di lasciare il palazzo dei genitori per sottoporsi ad una vita connessa con la natura. Vivendo sempre all’interno del ricco palazzo di famiglia, non aveva mai avuto modo di vedere gli aspetti negativi della vita: Siddharta rimane toccato, dopo la fuga, nel vedere in un villaggio un anziano malato e decrepito, così come rimane stupito nell’assistere a un corteo funebre.

 


La prima grande svolta

 

 

Incontrando un asceta che aveva deciso di rinunciare a tutto per raggiungere la serenità spirituale, decide di intraprendere la stessa via. Da questa decisione, la volontà di sottoporsi a numerose prove estreme quali vivere 7 anni in una foresta sottoponendosi numerose volte a digiuni al fine di raggiungere l’illuminazione. Non avendo raggiunto il suo obiettivo decide di isolarsi per trovare la liberazione; a 35 anni, vicino alla morte, si narra fosse ai piedi di un albero quando immerso nei suoi pensieri raggiunge l’illuminazione (il termine Buddha significa appunto illuminato).
La tradizionale raffigurazione di Buddha come fondatore del buddismo dunque, non corrisponde al personaggio di cui abbiamo appena narrato la vita: Siddharta infatti, prima di scappare dal palazzo era un giovane alto, biondo e magro. Dopo i numerosi anni di ritiri spirituali e digiuni era divenuto scheletrico.

 


La variante cinese di Buddha

 

L’uomo in carne rappresentato tradizionalmente è una variante cinese, che si ispira a Buddai, un monaco molto stravagante vissuto nel IX secolo d.C., così chiamato per la bisaccia che porta sulle spalle. Quest’ultima contiene riso, dolci e talvolta denari, con i quali sfamava poveri e bisognosi. Che questo monaco fosse veramente grasso non è certo, tuttavia l’adipe nel taoismo simboleggia felicità, mentre nella tradizione cinese è la sede dell’anima.

 


La variante giapponese di Buddha

 

In Giappone Budai ha preso il nome di Hotei e la sua statua è presente all’ingresso di numerosi templi zen, scuola frequentata anche dallo stesso.
Oggi Hotei è una delle sette divinità della Fortuna e rappresenta il dio dell’abbondanza e della buona salute.


 


 

Seguici anche su

facebookGoogle Plus

twitter

 


 


Sara Raggini
Laureata in Economia e Gestione Aziendale presso l’Università di Bologna, lavora attualmente presso Gruppo Editoriale Macro. Sin dal percorso... Leggi la biografia
Laureata in Economia e Gestione Aziendale presso l’Università di Bologna, lavora attualmente presso Gruppo Editoriale Macro. Sin dal percorso universitario si interessa all’alimentazione sana, scegliendo di sviluppare la tesi sperimentale in Marketing dei prodotti agroalimentari. L’interesse per l’alimentazione e il benessere si associa... Leggi la biografia

5 condivisioni

Potrebbero interessarti altri articoli del blog



L'argento Colloidale, potente rimedio naturale
Omaggio L'argento Colloidale, potente rimedio naturale

Iscriviti a My Macro e ricevi questo omaggio!

Voglio ricevere L'argento Colloidale, potente rimedio naturale