Newsletter, Omaggi, Area acquisti e molto altro. Scopri la tua area riservata: Registrati Entra Scopri l'Area Riservata: Registrati Entra
Home / Blog / Chiedi al Naturopata

Sono vegano: come faccio con la vitamina B12?

Chiedi al Naturopata

Sono vegano: come faccio con la vitamina B12?

Chiedi al Naturopata

Sono vegano: come faccio con la vitamina B12?
2 condivisioni


Francesca Rifici - 01/01/2016

Chi segue un’alimentazione vegana ha scelto di non nutrirsi di alimenti a base di carne, di pesce e nemmeno derivati come uova o formaggi. 

L’alimentazione vegana si basa sul consumo di cereali, verdure, frutta e semi prediligendo i cosidetti “raw food” ovvero i cibi crudi.

Non esistono, a mio avviso, scelte giuste o sbagliate, esistono scelte personali che vanno rispettate. Importante e fondamentale è conoscere bene i pro e i contro di ogni scelta che viene fatta, compresa quella alimentare, per non incorrere in problemi di salute fastidiosi e talvolta gravi.

Chi sceglie un’alimentazione vegana saprà bene che ha maggiore rischio di incorrere in una carenza di vitamina B12.

 

Scopriamo insieme cos’è la vitamina B12

La vitamina B12 chiamata anche cobalamina, è una vitamina che risulta indispensabile e fondamentale nei processi di formazione dei globuli rossi e per un corretto funzionamento del sistema nervoso.

Assieme all’acido folido, agisce nella sintesi del Dna e Rna.

 

Dove troviamo la vitamina B12
La troviamo negli alimenti di origine animale, come carne, pesce, uova, latticini e formaggi.
Tra il pesce, ricchissimi di vitamina B12 sono gli sgombri e le aringhe mentre per la carne, il fegato animale è tra i più ricchi. Per essere precisi, non è la carne in sé che la contiene ma i batteri e microorganismi in essa presenti che hanno enzimi in grado di sintetizzarla.
Va da sé che sono alimenti non contemplati nella dieta vegana che quindi necessita di un’integrazione di questa vitamina.

 

Come integrare la vitamina B12 nella dieta vegana
Essa è presente e contenuta nei cosidetti alimenti fortificati, come gli hamburger di soia, i grape-nuts (cereali) o il latte di seta di soia refrigerato.
Non esistono vegetali o piante adibite ad uso alimentare dalle quali sia possibile assorbire la vitamina B12.
È vero che in alcuni alimenti quali Tempeh, Clorella, Spirulina, alcune alghe e lieviti sia presente la vitamina B12 (anche se non è stata dimostrata la sua reale attività) ma di certo in minima parte, non sufficiente a compensare il fabbisogno corporeo.
Quindi il consiglio a tutti coloro che seguono una dieta vegana è quello di integrare questa vitamina sotto forma di integratore.
E per concludere riporto questo dato curioso: la vitamina B12 è presente nelle feci poiché noi esseri umani abbiamo all’interno del nostro organismo gli enzimi deputati a sintetizzarla, ma sfortunatamente si trovano in un tratto successivo all’ileo, che è il tratto intestinale che permette l’assorbimento della vitamina B12.

 



Francesca Rifici
 Naturopata, esperta di Medicina Tradizionale Cinese e Riflessologia plantare e del corpo, ha approfondito negli anni la sua passione per la... Leggi la biografia
 Naturopata, esperta di Medicina Tradizionale Cinese e Riflessologia plantare e del corpo, ha approfondito negli anni la sua passione per la medicina alternativa con lo studio della cucina naturale, a basso indice glicemico.Organizza serate a tema e corsi legati all’energia degli alimenti, secondo l’alimentazione naturale, cene e... Leggi la biografia

2 condivisioni

Potrebbero interessarti altri articoli del blog


Potrebbero interessarti


Libro in formato e-book:
Omaggio Libro in formato e-book: "Spiritual Mind"

Iscriviti a My Macro e ricevi questo omaggio!

Voglio ricevere Libro in formato e-book: "Spiritual Mind"