Newsletter, Omaggi, Area acquisti e molto altro. Scopri la tua area riservata: Registrati Entra Scopri l'Area Riservata: Registrati Entra
Home / Blog / Alimentazione e Salute

Sindrome metabolica: di cosa si tratta? Ce lo spiega la dottoressa Anna Villarini

Alimentazione e Salute

Sindrome metabolica: di cosa si tratta? Ce lo spiega la dottoressa Anna Villarini

Alimentazione e Salute

Sindrome metabolica: di cosa si tratta? Ce lo spiega la dottoressa Anna Villarini
47 condivisioni

Sindrome metabolica o sindrome X, che patologie scatena? Come rendersi conto di averla e come prevenirla con l’alimentazione e gli stili di vita? Ce lo spiega la dottoressa Anna Villarini che sarà presente al Congresso Nazionale di Saluscienza

 


Redazione Scienza e Conoscenza - 12/11/2018

Sindrome metabolica, chiamata anche sindrome X colpisce, dopo i sessant’anni, il 35 per cento della popolazione, ovvero oltre una persona su tre e, se non presa sul serio, è l’anticamera per numerose e gravi patologie, dal diabete al cancro. Per capire meglio di cosa si tratta abbiamo posto alcune domande alla biologa nutrizionista Anna Villarini, stretta collaboratrice di Franco Berrino all’Istituto Tumori di Milano.

Che cos’è la sindrome metabolica e quali sono i segnali della sua comparsa?

La sindrome metabolica, innanzitutto, non è una patologia, ma un insieme di fattori di rischio. La si potrebbe quindi definire uno stadio pre-clinico di alcune patologie. Le persone a cui viene fatta diagnosi di sindrome metabolica hanno cioè un maggior rischio di ammalarsi di malattie cardiovascolari, di alcune malattie istologiche, di diabete e di tutta una serie di patologie importanti, legate anche all'avanzare dell'età. La prima cosa da chiarire è quindi la differenza fra una malattia vera e propria e le fasce più a rischio, tant'è che la Sindrome metabolica – quando in fase iniziale e quando non sottende altre patologie – non si cura con i farmaci, ma con lo stile di vita, perché i parametri che la compongono non sono ancora parametri patologici.

Di sindrome metabolica – prima si chiamava "Sindrome X" – si parla dalla prima metà del Novecento. Già allora si era visto che alcuni valori un po' fuori norma si associavano ad alcune patologie, però non era stata definita correttamente come oggi. Nel 2005, l'International Diabetes Federation, ma anche l'American Heart Association, hanno cercato di dare delle definizioni più corrette. L'International Diabetes Federation ha diviso per etnie i parametri che definiscono la Sindrome metabolica, perché uno dei parametri più importanti è quello dell'obesità addominale. Poiché le persone, a seconda della razza, sono strutturalmente diverse, non si è trovato un modo di misurare l'obesità addominale – ovviamente, senza fare dei test invasivi quali la TAC – uguale per tutti. È stato quindi stabilito che nelle popolazioni dove le persone sono tendenzialmente più grandi (ad esempio, l'America del Nord), il giro vita, che è appunto la stima del grasso addominale, nella donna non deve superare gli 88 centimetri e nel maschio i 102 centimetri. Per l'etnia europea, però, la donna non dovrebbe superare gli 80 centimetri di giro vita e l'uomo non dovrebbe superare i 94 centimetri. Il giro vita si misura nel punto più stretto, che solitamente corrisponde a due o tre dita sopra l'ombelico. Non si misura mai nell'ombelico, perché all'ombelico siamo tutti più sporgenti.

La dottoressa Anna Villarini sarà presente al Congresso
Iscriviti ora: posti limitati!

Al giro vita elevato si associamo altri quattro fattori di rischio, che sono: la pressione arteriosa superiore a 130/85; i trigliceridi superiori a 150; la glicemia superiore a 100; il colesterolo buono (HDL) inferiore a 40 nel maschio e inferiore a 50 nella femmina.

Come dicevo la sindrome metabolica non è una patologia: faccio un esempio per chiarire meglio. La pressione arteriosa diventa patologica, quindi necessita di un farmaco, quando è sopra 140/90. Qui, però, il limite che viene messo è più basso di 140/90, infatti è di 130/85. La glicemia diventa patologica quando il glucosio è sopra 126 e si associa anche, tra l'altro, ad emoglobina glicata alta. Pertanto una glicemia a 100 non porta alla diagnosi di diabete e non deve essere trattata farmacologicamente.

Questi sono parametri che aumentano il rischio di avere una patologia, che però posso correggere modificando gli stili di vita, quindi non devo prendere un farmaco. La diagnosi di sindrome metabolica si fa quando, di questi cinque fattori di rischio di cui abbiamo detto, se ne presentano almeno tre. Da tre a cinque, è Sindrome metabolica, mentre da uno a due non si fa ancora diagnosi, ma anche in questo caso si dovrebbero consigliare stili di vita adeguati per riportare nella norma i parametri.  


 I 5 fattori di rischio della sindrome metabolica

1) Misura del girovita non superiore a 80 cm per le donne e 94; per gli uomini per la razza europea.

2) Pressione arteriosa superiore a 130/85;

3) Trigliceridi superiori a 150;

4) Glicemia superiore a 100;

5) Colesterolo buono (HDL) inferiore a 40 nel maschio e inferiore a 50 nella femmina.

La diagnosi di sindrome metabolica si ha quando si manifestano almeno 3 fattori di rischio su 5.


 

Continua la lettura dell'articolo su Scienza e Conoscenza 66


Redazione Scienza e Conoscenza
Scienza e Conoscenza è la rivista ufficiale del Gruppo Editoriale Macro. È un trimestrale che parla di medicina integrata, medicina non... Leggi la biografia
Scienza e Conoscenza è la rivista ufficiale del Gruppo Editoriale Macro. È un trimestrale che parla di medicina integrata, medicina non convenzionale, scienze di frontiera, coscienza e consapevolezza, e che si avvale di un comitato scientifico di medici, ricercatori, scienziati e giornalistiOperano in redazione: Marianna Gualazzi, Romina... Leggi la biografia

47 condivisioni

Potrebbero interessarti altri articoli del blog


Potrebbero interessarti


La Fisica dell'Incredibile
Omaggio La Fisica dell'Incredibile

Iscriviti a My Macro e ricevi questo omaggio!

Voglio ricevere La Fisica dell'Incredibile