Newsletter, Omaggi, Area acquisti e molto altro. Scopri la tua area riservata: Registrati Entra Scopri l'Area Riservata: Registrati Entra
Home / Blog / Neuroscienze e Cervello

Dal pensiero alla materia: una dinamica quantistica

Neuroscienze e Cervello

Dal pensiero alla materia: una dinamica quantistica

Neuroscienze e Cervello

Dal pensiero alla materia: una dinamica quantistica

Avere la consapevolezza di cosa succede all'interno del nostro cervello fa la differenza: ciò che pensiamo, contiene sempre in sé una parte affettiva a cui noi non abbiamo accesso. Scopriamo il punto di vista quantistico


Carmen Di Muro - 17/04/2019

Il pensiero è vibrazione, energia non locale e il suo campo d’azione non va concepito entro i limiti del corpo fisico, ma al contrario in modo esteso all’infinito. Come ci ricorda John Hagelin, noto fisico statunitense, nella meccanica quantistica l’idea di particella è sostituita dall’idea di funzione d’onda. La funzione d’onda, ossia un vettore nello spazio lineare, è fatto della stessa sostanza di cui sono fatti i pensieri.

Noi viviamo e respiriamo in un universo fatto di pensieri, un universo concettuale. E questa unità, alla base di mente e materia, è coscienza, un Campo Integrale che s’innalza in onde di possibilità tra cui la consapevolezza può scegliere generando tutto ciò che esperiamo sotto forma materiale.


 Approfondisci il tema

Essere è Amore
Dal pensiero alla materia - Viaggio scientifico nella pura essenza
€ 15,00

Oggigiorno, l'applicazione di teorie dinamiche non lineari alle neuroscienze, sempre più ne da conferma, spostando il focus delle ricerche dal dominio neurochimico a quello di campo elettromagnetico, che apre la strada ad un livello della realtà in cui la coscienza viene considerata come il processo quantistico oscillatorio che emerge dalla profondità subcorticale alla superficie corticale, dando vita istante dopo istante ad energie informate, veri e propri vettori che integrano ed orientano l'insieme di attività comportamentali, mentali e fisiologiche verso direzioni specifiche o nuclei di significato.

I pensieri sono la forma primigenia di contenuto percepibile, capace di attirare e generare ciò che rispecchia le caratteristiche personali di un determinata volontà sensiente. Tutto è in continua sintonizzazione, tutto si realizza e prende forma tramite rapporto reciproco tra il Campo e la nostra unicità. Quando ci connettiamo mentalmente con un fine, diamo il “la” alla creazione di una rete di significatività tra punti nel dominio del subatomico. Si stabilisce un continuum, una forte congiunzione informazionale tra le cose.

L’attività a livello d’intelletto, per esempio, genera vibrazioni che espandono pian piano il loro moto costante ed investono tutto ciò a cui la mente ha posto riferimento. Espandendo il loro moto circolare, anche il moto apparentemente lineare del restante viene influenzato, in quanto le informazioni veicolate si scontrano e generano un moto vibratorio che genera altro moto, dando luogo alla manifestazione di una tra le infinite possibilità attraverso l’introduzione di un ordine altamente coerente. Ciò a cui sottilmente la nostra coscienza anela trova, quindi, realizzazione nel denso, in quanto la forza vibratoria mentale attira a sé vibrazioni della stessa frequenza.


Hai già scaricato la nuova rivista?


 

Desiderare non significa dar luogo sempre alla nostra idea dominante in maniera perfetta e coincidente. Si desidera qualcosa, molto spesso, che prende piede in altre forme a noi inaspettate.  Ogni nostro pensiero sintetizzato dal lobo frontale, viene riconosciuto come informazione finita e genera una particolare e distinta frequenza, e questa a sua volta produce una reazione istantanea di accordo da parte dell’universo in filo diretto con i nostri elementi profondi. Un amalgama di cuore e mente, in cui le differenti tonalità emotive fanno da padrone. Sono questi gli elementi imprescindibili che divengono guida d’onda che veicola l’informazione al Campo. E’ questo l’ordine implicito che informa e permette ai punti di potenzialità di collassare nel materico. 

Gli eventi, la realizzazione delle cose, sono da intendersi, dunque, come uno specchio, in cui noi possiamo scorgere chiaramente il riflesso della nostra vera natura, l’essenza dell’ ANIMA. Ciò che pensiamo, contiene sempre in sé una parte affettiva a cui noi non abbiamo accesso, che muove le trame della manifestazione della vita. Averne consapevolezza fa la differenza.


Carmen Di Muro
 Psicologa clinica, psicoterapeuta ad orientamento Cognitivo Post-Razionalista e ISTDP, quantum trainer e scrittrice, vive ed opera in... Leggi la biografia
 Psicologa clinica, psicoterapeuta ad orientamento Cognitivo Post-Razionalista e ISTDP, quantum trainer e scrittrice, vive ed opera in Puglia.Aperta alla più ampia visione integrata dell’essere umano nella sua inscindibile unità di psiche-soma, unisce la formazione accademica con i suoi interessi nel campo della biologia, delle... Leggi la biografia

Potrebbero interessarti altri articoli del blog


Potrebbero interessarti


Libro in formato e-book:
Omaggio Libro in formato e-book: "Spiritual Mind"

Iscriviti a My Macro e ricevi questo omaggio!

Voglio ricevere Libro in formato e-book: "Spiritual Mind"