Newsletter, Omaggi, Area acquisti e molto altro. Scopri la tua area riservata: Registrati Entra Scopri l'Area Riservata: Registrati Entra
Home / Blog / Medicina Non Convenzionale

Pancia gonfia e senso di stanchezza?

3 condivisioni


Antonio Colasanti - 01/01/2016

Il sintomo della pancia gonfia è talmente diffuso che una persona su due dice di soffrirne.
È una patologia fastidiosa, legata alla formazione di aria con conseguente spasmo nella zona addominale.
Dal punto di vista medico, tali sintomi vengono riassunti col termine di “dispepsia gastro- intestinale” e i sintomi si manifestano in questo modo:

  • gonfiore
  • spasmo
  • meteorismo
  • dolore addominale
  • stipsi
  • diarrea


Quali sono le cause del gonfiore di pancia


In primis l’alimentazione. Molti sono i soggetti allergici o intolleranti al glutine di frumento ed al lattosio. Se analizziamo questi alimenti ci accorgiamo che l’uomo li ha sempre usati per alimentarsi ma come mai tali sintomi sono comparsi solo in questi ultimi anni?
La raffinazione delle farine con la conseguente perdita della parte contenente fibre, crusca e derivati, fa sì che il glutine (proteina in esso contenuta) già allergizzante di suo, venga assorbito in misura rapida ed istantanea, tale da provocare i disturbi intestinali.
La stessa cosa vale per latte e derivati: la lavorazione come la pastorizzazione, conservazione ed altro rende il lattosio (proteina in esso contenuta) non più digeribile dai nostri enzimi e pertanto risulta indigesto. Se a questo si aggiunge il mangiare in maniera rapida, ovvero 4 bocconi in 5 minuti, senza masticazione, con il giornale o il televisore davanti….la frittata è presto fatta.
A questo punto i vari rimedi farmacologici come i gastroprotettori, antispastici, dispeptici, non fanno altro che nascondere i sintomi senza curarli.



Le conseguenze di una pancia gonfia


Lo stomaco e l’intestino sono due organi che lavorano in sinergia: se funziona male il primo ne risente il secondo e viceversa.
Una cattiva digestione porta ad un cattivo assorbimento, pertanto le sostanze nutritive non sono più assorbite, con cattivo funzionamento di tutto l’organismo.
Il gonfiore rappresenta un cattivo funzionamento dell’apparato gastrointestinale e della sua infiammazione che se non curata a tempo può portare ad ulcere, coliti, diverticoli e neoplasie.
Bisogna quindi cercare di alimentarsi con:

  • farine e derivati biologici integrali;
  • usare latte alternativo come quello di avena, soia, riso;
  • succhi vegetali o the verde.


Ultima raccomandazione: quando ci si siede a tavola, bisogna concedersi il tempo necessario da dedicare al pasto e sgomberare la mente da pensieri e preoccupazioni.

 


 

Seguici anche su

facebookGoogle Plus

twitter

 


 


Antonio Colasanti
Il dottor Antonio Colasanti è nato a Frosinone il 01/03/1952  laureato in farmacia all’università la Sapienza di Roma nel 1977.Docente in... Leggi la biografia
Il dottor Antonio Colasanti è nato a Frosinone il 01/03/1952  laureato in farmacia all’università la Sapienza di Roma nel 1977.Docente in farmacologia presso la stessa università.Nel 1983 fonda la Omeosalus, azienda distribuzione prodotti omeopatici e fitoterapici.Iscritto al 5° anno di laurea in medicina.Esperto in omeopatia-fitoterapia... Leggi la biografia

3 condivisioni

Potrebbero interessarti altri articoli del blog



Che cos'è l'Energia?
Omaggio Che cos'è l'Energia?

Iscriviti a My Macro e ricevi questo omaggio!

Voglio ricevere Che cos'è l'Energia?