Newsletter, Omaggi, Area acquisti e molto altro. Scopri la tua area riservata: Registrati Entra Scopri l'Area Riservata: Registrati Entra
Home / Blog / Medicina Non Convenzionale

L'energia che cura: scopriamo la pranoterapia

Medicina Non Convenzionale

L'energia che cura: scopriamo la pranoterapia

Medicina Non Convenzionale

L'energia che cura: scopriamo la pranoterapia
71 condivisioni

Parliamo di energie sottili e discipline energetiche che possono integrarsi alla medicina tradizionale per migliorare il benessere e la qualità della vita di molte persone


Carmen Di Muro - 27/08/2018

Da quando le discipline psicologiche, sociologiche e fisiche hanno cominciato ad interessarsi al tema della malattia come fatto non esclusivamente fisiologico, da quando gli studi di F. A. Popp ci hanno permesso di capire come ogni essere vivente emetta costantemente una radiazione ultra debole chiamata biofotone, e da quando la medicina quantistica ha documentato che l’essere umano è governato da una fittissima rete di segnali elettromagnetici che fanno dialogare tutte le cellule, il complesso fenomeno della salute è divenuto sempre più condivisibile interdisciplinarmente aprendo gli scenari verso un nuovo approccio integrato di fare medicina, in cui nessuna branca esclude l’atra, ma al contrario l’arricchisce potenziandone i benefici.

In questa prospettiva maggiormente estesa in cui la ricerca di frontiera ha fatto passi da gigante sull’impalpabile mondo della coscienza, le “discipline energetiche” o “pratiche del benessere”, così come le cosiddette medicine altre, acquistano un nuovo statuto culturale che vede al centro l’uomo nella sua multidimensionalità di anima, mente, spirito e ambiente. Tra corpi ed universo non esiste dualità, ma un unico infinito campo di risonanza che li unisce. È questo a gestire le funzioni più alte della mente, nonché la fonte delle informazioni che governano la crescita degli organismi. È il nostro cervello, il nostro cuore, la nostra memoria e, al contempo, l’impronta genetica del mondo in tutta la sua storia.

Tutto ciò sta pian piano conducendo sull’orlo di una rivoluzione, profonda e coraggiosa, e le più recenti acquisizioni scientifiche relative alla psiconeuroimmunologia, all’epigenetica, come pure ai fenomeni quantistici non-locali nei sistemi viventi offrono le premesse per una possibile chiave esplicativa dei processi che regolano la cura e il miglioramento, in termini di benessere, attraverso chi opera utilizzando l’energia. Ne è esempio Nelli Giorgio, consulente energetico e pranoterapeuta che con grande amore ha messo le sue doti al servizio delle persone. E seppure la strada verso la scoperta delle leggi sottili che animano l’esistenza è ancora lunga, la sua esperienza e le sue osservazioni, non possono far altro che aprire nuovi orizzonti e dialoghi maggiormente integrati tra scienza, coscienza ed etica della salute.

Nelli lei è un consulente energetico. Potrebbe spiegarci meglio di cosa si occupa e cosa si intende con questo termine?

Il consulente energetico è un esperto di discipline energetiche e dei tipi di tecniche che possono essere usate per aumentare il benessere personale che includono una serie di pratiche che vanno dal reiki, al karuna reiki, al theta healing, al pranic healing, alla pranoterapia, al trattamento dei corpi astrali, all’aura, ai chakra, agli ambienti e al come informatizzarli e caricarli. Io mi occupo di questo, infatti tutto ciò che energia è il mio settore, svolgendo questa particolare professione presso il mio studio privato di Milano e di Treviso, nonché collaborando con l’EFP group, il Centro di Terapie Integrate della dott.ssa Poli e con vari primari dell’Istituito Clinico Zucchi e del Policlinico di Milano, come pure con professionisti sanitari tra cui psicoterapeuti, osteopati, ortopedici e ginecologi.


Come ha scoperto di avere queste doti e come si è indirizzato verso la conoscenza e l’utilizzo di queste pratiche?

Ho studiato molto, nonostante nascessi come perito metalmeccanico e avessi lavorato a lungo nel settore tecnologico occupandomi di programmazione analogica basata sulla trigonometria. All’età di 33 anni emerse improvvisamente questa mia sensibilità per cui sentivo profondamente il dolore negli altri. Infatti, tutte le volte che avevo davanti una persona capivo cosa gli faceva male e lo sentivo su di me. Da lì, dopo una lunga ricerca interiore, ho deciso di indagare sottoponendomi alla misurazione del mio stato energetico attraverso una strumentazione basata sulla digitoscopia superando il valore massimo di 24 con un valore supernormale di 30 e la fotografia Kirlian. Decisi così di accrescere questa mia naturale predisposizione, frequentando la A.MI. University, la scuola di pranoterapia a cui sono iscritto nel relativo albo da 15 anni, ulteriori corsi di specializzazione e approfondendo, altresì, lo studio di discipline come anatomia, medicina, ortopedia e tutto ciò che potesse arricchire la mia conoscenza, collaborando attivamente con la dott.ssa Rosi Coerezza, medico esperto in Terapie Naturali, che da allora mi orienta per la parte prettamente medica. Non faccio diagnosi né prescrivo farmaci, ma mi limito a supportare la persona, integrando queste “pratiche di benessere” ai processi di cura medica in atto.   


Tra le varie tecniche del benessere lei utilizza una specifica metodologia?

Opero utilizzando diverse tecniche che possano favorire e migliorare il benessere, in base a ciò che reputo in linea con l’unicità del cliente e con la diagnosi o il problema con cui mi arriva. Posso utilizzare, per esempio, la pranoterapia, ossia passando le mani sulla persona dove si avverte la variazione di energia lavoro in scarico e in carico, ma non solo. Di solito, quando ho davanti qualcuno che ha un disturbo, punto a riportarlo in equilibrio reinformando la sua coscienza in modo tale che si riorienti in un contesto che gli appartiene. Quando la coscienza viene reinformata viene portata al suo equilibrio naturale e automaticamente ciò si riflette nell’ambiente in cui vive facilitando il benessere psico-fisico su più livelli.


Quali sono gli effetti principali di queste pratiche sull’organismo? Ci sono disturbi in cui sortiscono maggiori risultati?

È molto soggettivo e dipende dalla persona. Cistiti, e infiammazioni a livello intestinale come colon irritabile, gastrite, ernia iatale, ossia tutto ciò che è gastroenterico ha un ottimo risultato in termini di benessere personale. Anche sulle ossa, sulle ernie, sulle protrusioni, sulla rottura dei legamenti è stata accertata un miglioramento nella velocità di cicatrizzazione, evidenziabile attraverso successivi esami clinici di riscontro rispetto alla situazione di partenza.


Nel corso della sua lunga esperienza ha notato che migliorano più quelli che credono o quelli che non credono?

Quelli che credono hanno i maggiori risultati in termini di incremento del benessere psico-fisico e in questo l’amore è fondamento. Di tecniche ce ne son tante ed io ne ho studiate altrettante, ma se non si è allineati all’amore e alla verità non si può niente. Questa è la base. Perché è proprio l’autenticità che permette di manifestare l’energia migliore necessaria per la salute.   


Carmen Di Muro
 Psicologa clinica, psicoterapeuta ad orientamento Cognitivo Post-Razionalista e ISTDP, quantum trainer e scrittrice, vive ed opera in... Leggi la biografia
 Psicologa clinica, psicoterapeuta ad orientamento Cognitivo Post-Razionalista e ISTDP, quantum trainer e scrittrice, vive ed opera in Puglia.Aperta alla più ampia visione integrata dell’essere umano nella sua inscindibile unità di psiche-soma, unisce la formazione accademica con i suoi interessi nel campo della biologia, delle... Leggi la biografia

71 condivisioni

Potrebbero interessarti altri articoli del blog


Potrebbero interessarti


La Fisica dell'Incredibile
Omaggio La Fisica dell'Incredibile

Iscriviti a My Macro e ricevi questo omaggio!

Voglio ricevere La Fisica dell'Incredibile