Newsletter, Omaggi, Area acquisti e molto altro. Scopri la tua area riservata: Registrati Entra Scopri l'Area Riservata: Registrati Entra
Home / Blog / Medicina Non Convenzionale

Guarire dalle malattie croniche: è possibile? Intervista al dottor Paolo Giordo

Medicina Non Convenzionale

Guarire dalle malattie croniche: è possibile? Intervista al dottor Paolo Giordo

Medicina Non Convenzionale

Guarire dalle malattie croniche: è possibile? Intervista al dottor Paolo Giordo
10 condivisioni

Oggi assistiamo al dilagare di malattie croniche che colpiscono fette sempre più ampie di popolazione e in età sempre precoce: diabete, ipertensione, problemi legati al colesterolo, malattie degenerative del cervello e sistema nervoso. È possibile prevenire e guarire da queste condizioni? Alimentazione, stile di vita e medicine non convenzionali sono una strada efficace


Redazione Scienza e Conoscenza - 14/04/2018

Ciao Paolo, sei laureato in medicina e chirurgia, in filosofia, specializzato in neurologia e hai diplomi in Medicina Psicosomatica, in Bioenergetica Medica, in Omeopatia e Omotossicologia, hai studiato Ayurveda e Floriterapia di Bach. Ci racconti come è nato il tuo interesse per le Medicine Non Convenzionali?

Il mio interesse per le medicine non convenzionali è nato dopo l’osservazione, nei primi anni della mia carriera di medico, che la medicina convenzionale di fatto difficilmente curava ma era tesa a sopprimere o tacitare i sintomi senza quasi mai intervenire sulle cause. Questo portava ad un ripensamento della medicina e di cosa si intende per curare e così ho fatto.

Oggi assistiamo al dilagare di malattie croniche che colpiscono fette sempre più ampie di popolazione e in età sempre precoce: penso al diabete, ipertensione, problemi legati al colesterolo, malattie degenerative el cervello e sistema nervoso, e tanto altro: ci puoi dare qualche dato rispetto a queste “epidemie”?

Partiamo dal presupposto che spesso sono le cure convenzionali a cronicizzare le malattie nel tentativo incongruo di curarle. Oltre a ciò tutte le malattie degenerative autoimmuni e neurodegenerative sono aumentate esponenzialmente talvolta presentandosi “croniche” sin dal loro esordio e manifestando un’incapacità dell’organismo di fronteggiarle.

Secondo te quali sono i fattori che portano all’aumento di queste patologie?

L’argomento è complesso. Sicuramente le profonde modificazioni ambientali, l’inquinamento fisico ed elettromagnetico, lo stravolgimento di ogni canone alimentare e nutrizionale, lo stress cronico e la sua cattiva gestione hanno portato ad un grave aumento di queste patologie.

È luogo comune che le Medicine Non Convenzionali siamo di aiuto per piccolo problemi e disagi e che possano far poco per patologie più gravi e spesso ritenute “incurabili” come il diabete ad esempio: è un mito da sfatare?

Spesso le medicine non convenzionali sono considerate “leggere” e utilizzabili per patologie lievi o funzionali. Questo è una mitologia creata da chi considera quella convenzionale la vera medicina ma purtroppo non ne considera il fallimento su moltissimi fronti. Le MNC devono essere considerate con una nuova visione antropologica dell’individuo per cui è la stessa terapia che si basa su principi diversi olistici, e non frammentati e inconcludenti.

Oggi si parla sempre più spesso di malattia e sempre meno di salute: quante e quali malattie potremmo prevenire con la prevenzione primaria?

Con la prevenzione primaria si possono prevenire la gran parte delle patologie, ma forse questo non è lo scopo principale dei nostri sistemi sanitari basati su screening di massa o ipotetiche diagnosi precoci le quali statisticamente non hanno mai portato ad una modificazione del decorso delle malattie.

Ci sono strategie di prevenzione primaria valide per la maggior parte delle patologie che ti senti caldamente di consigliare?

Le strategie di prevenzione primaria sono principalmente basate su un cambiamento delle principali convinzioni alimentari, nella lotta vera (e non fittizia) all’inquinamento ambientale, alle polveri sottili, killer invisibili ma letali, all’inquinamento elettromagnetico (mentre si va nella direzione opposta) alla diminuzione dello stress sociale, lavorativo, ma qui si entra nel campo socio politico.

Parliamo di salute e alimentazione: quello che vorrei capire è in che  modo la malattia può dipendere dalla cattiva qualità del cibo che mangiamo... Non parlo solo di cibo spazzatura – ormai lo sanno tutti che quello fa male – ma del fatto che il nostro cibo non ha più le qualità nutritive di quello ingerito solo dai nostri nonni. È così? Da cosa dipende questo svilimento nutrizionale? Ci sono cibi che mantengono intatte le loro proprietà nutritive, quali sono?

L’alimentazione è quella che ha subito i maggiori cambiamenti nell’ultimo secolo. La Dott.ssa Kousmine diceva che la nostra salute era legata al modo di mangiare dei nostri nonni che era stato profondamente stravolto dai fast food e dai cibi preconfezionati. Gli alimenti stessi non sono più quelli di una volta, il loro contenuto vitaminico, minerale o enzimatico è drasticamente diminuito, senza contare la presenza di una miriade di sostanze chimiche aggiunte come additivi che popolano e inquinano i nostri alimenti mettendo a dura prova il nostro sistema immunitario.

Il tuo ultimo libro uscito con Terra Nuova Edizioni è dedicato alla Vitamina D: ci spieghi perché questa “falsa vitamina” è così importante per il buon funzionamento del nostro organismo?

La vitamina D è la grande assente dal panorama terapeutico moderno: purtroppo la sempre maggiore mancanza di esposizione solare ce ne ha privato e con essa la sua fondamentale capacità di immunoregolazione. Inoltre la sua capacità di regolare l’espressione di una molteplicità di geni fa di questo ormone (infatti è un ormone) uno dei più potenti mezzi di prevenzione primaria “dimenticata” della nostra epoca.

Parliamo di megadosi di vitamina D: per quali patologie sono efficaci?

Le alte dosi di vitamina D sono indicate principalmente per le patologie autoimmunitarie. Infatti queste ultime soffrono di un problema di disreattività legata al meccanismo autoimmune che solo la vitamina D, potente immunoregolatore , può riequilibrare ma per far questo sono necessarie alti dosaggi per superare la “resistenza” genetica delle persone affette da tali malattie. Questo metodo è stato inaugurato circa 16 anni fa dal Dott. C.G. Coimbra, neurologo brasiliano per cui spesso queste cure prendono il suo nome.

Per evitare il fai da te, sempre pericoloso, a chi ci possiamo per questo tipo di terapia preventiva o curativa?

Per la prevenzione delle persone sane è sufficiente una corretta informazione ma per l’uso di alte dosi di vitamina D è strettamente indispensabile essere seguiti da un medico esperto e competente onde evitare possibili effetti collaterali anche seri.

Oggi si parla tantissimo di PNEI ed epigenetica: penso che queste due chiavi siano quelle giuste per interpretare la malattia e trovare nuove strategie di cura?

La PNEI ci riporta al fatto che il nostro organismo è interamente collegato e interattivo ai massimi livelli; non esistono più i vari sistemi (digerente, nervoso, immunitario, ecc.) se non per comodità didattica ma il nostro corpo è una mirabile comunicazione interattiva tra tutti e ognuno contiene l’altro. L’epigenetica ci ha dimostrato che il nostro non è un destino inscritto nei nostri geni ma che questi possono subire attivazioni e interventi dall’ambiente esterno cioè noi siamo in comunicazione con il tutto. Questo pensiero di sfondo deve orientare anche il pensiero medico contemporaneo e cambiare l’attuale paradigma scientifico statico.

Che tipo di medicina sogni per le generazioni presenti e future?

Sogno un ripensamento del concetto di salute come armonia fisica, psichica e spirituale in un mondo altrettanto armonico. La medicina non deve abdicare al suo ruolo educativo, esplicativo, orientativo verso modelli interattivi e non frazionati. Questo per il sogno ma nella realtà basterebbe che le medicine non convenzionali facessero parte integrante del sistema medico e terapeutico e si aprissero maggiori spazi di riflessione e di confronto non belligerante perché la medicina è una sola e l’unico interesse è portare sollievo e giovamento a chi soffre e mantenere sano chi ancora lo è.


Chi è Paolo Giordo

Nel 1979 si laurea in medicina e chirurgia presso l’Università Cattolica di Milano con sede a Roma, Pol. A. Gemelli.
Nel 1983 consegue la specializzazione in Neurologia presso la stessa Università.
Nel 1984 consegue il diploma del corso quadriennale di Medicina Psicosomatica istituito dalla SIMP (Soc. Italiana di Medicina Psicosomatica), presso l’Università di Roma.
Nel 1988 si perfeziona in Storia della Medicina presso l’Università di Roma “La Sapienza”.
Nel 1992 consegue il diploma del corso quadriennale di Bioenergetica Medica (Omeopatia e Agopuntura) presso il Centro Internazionale della Medicina Integrata di Bologna.
Nel 1994 ottiene il diploma del Corso Triennale di Omeopatia e Omotossicologia organizzato dall’AIOT (Ass. Medica Italiana di Omotossicologia).
Studia Ayurveda tradizionale presso il centro Cilus e massaggio Ayurvedico con il Maestro Govindan ottenendo i conseguenti attestati finali.
Nel 1996 frequenta il corso di II livello in Floriterapia di Bach presso la sede di Roma del Bach Centre di Londra.
Nel 1996 cosegue la Laurea in Filosofia presso l’Università degli Studi di Siena discutendo una tesi di Filosofia della Medicina.
Nell’anno accademico 1999/2000 consegue il diploma quadriennale di specializzazione in Biotipologia e Medicina Omeopatica presso la Scuola Superiore di Medicina Olistica dell’Università degli Studi di Urbino.
Nel 2003 si perfeziona in Terapia Gerson presso il Gerson Institute di San Diego (USA). Nel 2004 si perfeziona in Psico-Oncologia presso l’Università Cattolica di Roma.
Nel 2006 completa il corso triennale di Fitoterapia Clinica presso l’Università della Tuscia di Viterbo. È membro della Sitec (Soc. Italiana di Terapia Chelante) Esercita la libera professione nell’ambito delle MnC (Medicine non Convenzionali).
Ha al suo attivo numerose pubblicazioni su riviste su argomenti riguardanti l’alimentazione naturale, la medicina olistica e la filosofia della medicina.
Fa parte del comitato scientifico della rivista Scienza e Conoscenza.


Redazione Scienza e Conoscenza
La nostra redazione è composta da Marianna Gualazzi (direttore responsabile) Romina Alessandri (Direzione e Coordinamento) Erica Gattamorta... Leggi la biografia
La nostra redazione è composta da Marianna Gualazzi (direttore responsabile) Romina Alessandri (Direzione e Coordinamento) Erica Gattamorta (Responsabile Ufficio Abbonamenti) e da molti collaboratori esterni che in base alla loro professionalità forniscono volta per volta contributi e articoli su argomenti specifici. Leggi la biografia

10 condivisioni

Potrebbero interessarti altri articoli del blog


Potrebbero interessarti


Noi Medici di Noi stessi
Omaggio Noi Medici di Noi stessi

Iscriviti a My Macro e ricevi questo omaggio!

Voglio ricevere Noi Medici di Noi stessi