Newsletter, Omaggi, Area acquisti e molto altro. Scopri la tua area riservata: Registrati Entra Scopri l'Area Riservata: Registrati Entra
Home / Blog / Medicina Non Convenzionale

A Milano un nuovo Centro di Medicina Integrata

Medicina Non Convenzionale

A Milano un nuovo Centro di Medicina Integrata

Medicina Non Convenzionale

A Milano un nuovo Centro di Medicina Integrata
133 condivisioni


Carmen Di Muro - 18/01/2018

Nella mia esperienza clinica di psicoterapeuta mi accorgo, non di rado, che all’origine di tanti errori vi sono credenze sbagliate. Esse diventano il filtro percettivo attraverso cui interpretiamo le varie patologie, la loro origine e i rimedi per farvi fronte. Ciascuna malattia è, generalmente, solo la punta di un iceberg che cela qualcosa di più grande e profondo che non funziona al nostro interno. Il mondo si specchia dentro di noi, prende forma e ne lascia traccia, modificando il modo di concepire noi stessi, la realtà e le relative scelte di vita. Cambiare visione costa fatica soprattutto quando le malattie hanno solide radici negli abissi del nostro animo, per cui la soluzione richiede impegno nel guardare dentro sé stessi per riscoprirsi e trasformarsi. Eppure l’uomo è quel meraviglioso network psicobiologico in cui la materia prende coscienza di sé stessa, espressione di un unicum tra molteplici dimensioni esistenziali che scandiscono la nostra diversità.

Che cos’è la Medicina Integrata

C’è un legame inestricabile tra psiche, anima, corpo e ambiente sociale, un flusso costante di informazioni tra tutte le dimensioni dell’essere umano, un dialogo sottile che avviene con un linguaggio biofisico ed elettro-chimico-cellulare, per cui qualsiasi cosa si verifica in una di queste dimensioni si riverbera inevitabilmente sulle altre. Un certo modo di sentire e pensare cambia la biologia del nostro corpo nel bene e nel male. Il tutto funziona e il benessere prende forma su un armonico equilibrio multidimensionale e, soltanto quando tutte le forze presenti in ciascuno di noi agiscono all’unisono, la guarigione accade.


Libri per approdonfire i temi trattati nell'articolo

Anatomia della Coscienza Quantica
La fisica dell’auto-guarigione
Voto medio su 11 recensioni: Da non perdere
Video Download - Il Valore del Perdono
Per vincolo o per dono: il perdono come catalizzatore di guarigione

E allora come far sì che questa avvenga concretamente?

Nel mondo della medicina molte cose stanno cambiando e nuove scoperte scientifiche stanno facilitando lo spostamento dell’antico baricentro medico-biologico da una concezione meccanicistica, dove si interviene sulla persona in modo esclusivamente biochimico, a una visione integrata che vede l’essere umano come un tutt’uno interconnesso, nel quale i medici sperimentano che non esiste una sola medicina, ma che l'integrazione di più approcci terapeutici risulta vincente e dove i pazienti si scoprono parte attiva che in sé contiene tutto il potenziale per poter guarire.

Questo semplice cambio di paradigma, oggigiorno, sta determinando una profonda rivoluzione nella diagnosi, nella prognosi e nella terapia di ogni malessere, facendo sì che il processo patologico venga collocato in una dimensione più ampia, che comprende il piano energetico, mentale, biologico e spirituale dell’uomo. Questo nuovo modo di fare della medicina un’arte trasformativa a 360 gradi prende il nome di Medicina Integrata.

La Medicina Integrata non esclude nessun tipo di intervento: ritiene utile la farmacologia e la chirurgia, ma al contempo integra anche la fitoterapia, l’omeopatia, la nutrizione, le medicine cosiddette tradizionali, utilizzando la psicologia, la psicoterapia, l’ipnosi, la medicina quantistica con tutti i suoi dispositivi che agiscono sul campo elettromagnetico e sulle radiofrequenze, oltre a tutte le discipline a mediazione corporea (yoga, osteopatia, qigong, shiatsu, ecc), perché punta a una medicina centrata sulla persona, che deve tenere conto non solo del sintomo, ma anche del contesto in cui accade, delle credenze che il paziente porta dentro di sé, della sua biografia e delle sue emozioni. Una medicina in cui non ci sono antagonismi, ma un dialogo proficuo tra diverse discipline, facce di una stessa medaglia che hanno ragione d’essere nella complementarietà e nell’ integrazione.

La psicobiologia della libertà emozionale

Questo il motore di ogni vera rivoluzione che raggiunge il nucleo profondo dell’essere, lo trasforma e lo conduce sulla via della guarigione, che non rimane un mero ideale, ma che oggi più che mai trova concretezza e realizzazione sul nostro territorio nazionale nel Centro di eccellenza EFP Group – Emotional Freedom Psychobiology – dedicato ai trattamenti di medicina e psicologia integrate e d’avanguardia, diretto a Milano con passione e dedizione dalla dott.ssa Erica Francesca Poli, medico psichiatra che annovera un’approfondita ed eclettica formazione psicoterapeutica che le ha permesso di sviluppare un personale metodo di lavoro interdisciplinare. Ricercatrice instancabile e faro per quanti hanno perso la propria direzione esistenziale, Erica F. Poli offre a chiunque voglia la possibilità di trasmutare il dolore, la sofferenza e ciò che può essere etichettato come “patologia” in un’esperienza di evoluzione e risveglio interiore alla scoperta delle tracce silenti del proprio sé. Da qui la malattia si fa potenza aprendo le porte ai misteriosi processi che guidano la guarigione, attraverso una metodologia che coniuga terapie innovative, ma rigorose e scientificamente validate, con interventi centrati sulla persona nella sua interezza di corpo, mente, anima, contesto socio-ambientale ed esistenziale.

«La guarigione scorre necessariamente attraverso l’integrazione di più saperi e di più prospettive» – sostiene la dottoressa Poli, e questo diventa la terra feconda su cui origina e prolifera la mission del suo Centro di Terapie Integrate. Nato nello scorso mese di aprile, l’EFP Group – Emotional Freedom Psychobiology – è un acronimo che sta per “Psicobiologia della libertà emozionale” e si riferisce a un cambio di panorama tanto nella cura, quanto nel concetto stesso di malattia. L’uomo da soggetto passivo, diviene attore protagonista nella gestione della propria salute, e la libertà emozionale gioca un ruolo fondamentale nella biologia stessa. Esiste un’interconnessione profonda tra la nostra biografia e la nostra biologia, la quale è espressione del codice genetico, delle matrici della vita gestazionale, dei primi anni di vita infantile, dei copioni psicogenealogici come pure degli archetipi dell’inconscio collettivo e delle informazioni del campo quantico in cui siamo immersi.

Ad oggi, infatti, le crescenti evidenze scientifiche a favore di questa visione, collegate alle scoperte dell’epigenetica, della PNEI (psiconeuroendocrinoimmunologia) avanzata, delle neuroscienze, della fisica quantica applicata ai sistemi biologici fanno sì che si possano utilizzare molteplici strategie di intervento terapeutico e preventivo basate su queste evidenze.

Emozioni, psiche e soma

In questo scenario sistemico ad alta complessità, appare dunque chiaro come i vissuti emozionali e i copioni emotivi diventino il vero motore delle nostre scelte, alla base dei nostri stati psicofisici di benessere e malessere, e come siano le emozioni a costituire un ponte tra la mente e il corpo. In esse risiedono quegli interruttori capaci di orchestrare l’ancora misterioso salto dalla psiche al soma o viceversa. Le emozioni hanno infatti precisi correlati nel corpo, sia a livello biochimico che biofisico e la malattia viene vista come un processo che parte dai meccanismi energetici, per poi passare a quelli biochimici ed epigenetici, fino ad arrivare alle alterazioni cellulari, tissutali e infine d’organo.

Ecco dunque che la libertà emozionale è intrecciata con la salute psicobiologica della persona e la psicobiologia non può più prescindere dal ruolo dei fattori emotivi, in particolare da quei vissuti infantili che hanno costituito il binario lungo il quale il corpo stesso ha incarnato nelle sue strutture e nella memoria delle sue cellule le informazioni relative alla storia e alla genealogia della persona. Sulla base di ciò il Centro di Terapie Integrate diviene la risposta a tutte le persone che sono alla ricerca di un paradigma medico e psicologico realmente interdisciplinare a cui affidare non solo la cura dei propri malesseri, ma anche il mantenimento della propria salute. Nel centro si attuano la prevenzione, la diagnosi e la terapia, con la finalità di mantenere al meglio lo stato di benessere psicofisico e sociale dell’individuo, ripristinando le sue stesse capacità di guarigione e rispettandone l’equilibrio e l’integrità. La persona viene riconosciuta nella sua completa unità di corpo, psiche e ambiente e il trattamento viene personalizzato e creato su misura a partire da una vasta disponibilità di interventi diagnostici e terapeutici di cui il centro dispone, riguardanti l’area medica, psicologica, psichiatrico forense, di mediazione corporea e protocolli di trattamento integrato, nonché l’organizzazione di seminari di formazione ed eventi scientifici e divulgativi, aperti a privati, enti pubblici, aziende e professionisti.


Continua la lettura su Scienza e Conoscenza 62! 

 


Carmen Di Muro
 Psicologa clinica, psicoterapeuta ad orientamento Cognitivo Post-Razionalista e ISTDP, quantum trainer e scrittrice, vive ed opera in... Leggi la biografia
 Psicologa clinica, psicoterapeuta ad orientamento Cognitivo Post-Razionalista e ISTDP, quantum trainer e scrittrice, vive ed opera in Puglia.Aperta alla più ampia visione integrata dell’essere umano nella sua inscindibile unità di psiche-soma, unisce la formazione accademica con i suoi interessi nel campo della biologia, delle... Leggi la biografia

133 condivisioni

Potrebbero interessarti altri articoli del blog


Potrebbero interessarti


Libro in formato e-book:
Omaggio Libro in formato e-book: "Spiritual Mind"

Iscriviti a My Macro e ricevi questo omaggio!

Voglio ricevere Libro in formato e-book: "Spiritual Mind"