Newsletter, Omaggi, Area acquisti e molto altro. Scopri la tua area riservata: Registrati Entra Scopri l'Area Riservata: Registrati Entra
Home / Blog / Alimentazione e Salute

Chi mangia crudo campa cent'anni

18 condivisioni


Michele Riefoli - 01/01/2016

 

Parlando di crudismo, più che di dieta specifica, seguita strettamente ancora da poche persone, possiamo rivelare una tendenza, ovvero una rivalutazione dell’importanza del cibo crudo da assumere in qualunque regime alimentare scelto. Il crudismo non può essere considerata l’ultima moda in tema di alimentazione perché di fatto è una pratica antichissima; in realtà è stata l’alimentazione naturale dell’uomo per 2,5 milioni di anni dopo la sua apparizione sulla Terra. Tutti gli animali del pianeta, del resto, ancora oggi consumano solo ed esclusivamente cibo crudo, dato che in natura le cucine non esistono! Solo dopo la scoperta (il controllo) del fuoco da parte dell’Homo Erectus, il genere umano ha iniziato a consumare cibo cotto, sviluppando nel tempo tecniche e pratiche culinarie che hanno portato alcuni vantaggi ma anche molti svantaggi in termini di salute e in particolare, come vedremo, rispetto al buon funzionamento del sistema immunitario. 


Cominciamo allora col definire che un cibo è crudo fino a che non sia stato trattato termicamente oltre la temperatura di 42°C. Ma come vedremo c’è una grande differenza fra cuocere a 50° o a 200°, quindi vanno fatte le dovute valutazioni. 


Inoltre, chiariamo che generalmente con il termine “crudismo” ci si riferisce a una nicchia alimentare praticata da vegani e fruttariani, ma in realtà si considerano crudisti anche alcuni ovo-latto-vegetariani che oltre ai vegetali assumono uova e latticini crudi, e alcuni onnivori che consumano anche carne e pesce a crudo.


Ma vediamo perché per tutti è bene dare importanza al cibo crudo.
Quali sono i vantaggi del crudismo sulla salute a lungo termine e in particolar modo sul sistema immunitario che della salute è uno dei maggiori fautori?


Per rispondere a questa domanda dobbiamo innanzitutto comprendere gli effetti negativi della cottura sul cibo ricordando che esso, qualunque sia la sua origine, è fondamentalmente costituito da proteine, grassi, carboidrati, vitamine, enzimi, acqua, minerali e fibra (quest’ultima presente solo nel mondo vegetale). 


Nell'articolo integrale su Scienza e Conoscenza n. 50 scoprirai:

  • Gli effetti negativi della cottura sul cibo
  • Cosa sviluppa e cosa perde il cibo cotto o conservato
  • I vantaggi che offre il cibo crudo
  • Le 5 regole per stare bene in salute
  • Che cos'è il crudismo e cosa propone l'alimentazione di tipo Veganic
  • Come si inizia un percorso di alimentazione crudista
  • Chi è Michele Riefoli


 NON PERDERE SCIENZA E CONOSCENZA N.50 - Un numero dedicato interamente al rafforzamento del sistema immunitario con metodi naturali!

------------------------------------------------


Michele Riefoli
Michele Riefoli, esperto di educazione alla salute naturale e dei meccanismi fisici e mentali, è membro della Società Scientifica di Nutrizione... Leggi la biografia
Michele Riefoli, esperto di educazione alla salute naturale e dei meccanismi fisici e mentali, è membro della Società Scientifica di Nutrizione Vegetariana (SSNV), dell’Unione Nazionale Chinesiologi (UNC), e del direttivo del Coordinamento Nazionale Associazioni e Comunità di Ricerca Etica, Interiore e Spirituale (CONACREIS). È... Leggi la biografia

18 condivisioni

Potrebbero interessarti altri articoli del blog



Abc della Salute Naturale
Omaggio Abc della Salute Naturale

Iscriviti a My Macro e ricevi questo omaggio!

Voglio ricevere Abc della Salute Naturale