Newsletter, Omaggi, Area acquisti e molto altro. Scopri la tua area riservata: Registrati Entra Scopri l'Area Riservata: Registrati Entra
Home / Blog / Alimentazione e Salute

Colesterolo: prevenirlo con l'alimentazione


Klaus Oberbeil - 01/01/2016

Il colesterolo e le sue origini.

Ogni persona ha un bilancio di colesterolo individuale. In modo corrispondente a questo si ricava, dal cibo digerito nell'intestino, soltanto la quantità di lipidi di cui si ha bisogno. Può provenire dall'alimentazione il 20% del colesterolo, ma anche l'80% o più. Tuttavia, soltanto il 15% del colesterolo proveniente dagli alimenti trova la strada del sangue. Questa è una delle ragioni per cui, anche con un'alimentazione molto sana, valori elevati di colesterolo diminuiscono soltanto molto gradualmente. La conversione a un'alimentazione povera di colesterolo non significa quindi, contemporaneamente, che i suoi valori nel sangue si abbassino.
L'85% circa del colesterolo è prodotto dal nostro stesso organismo, la maggior parte nel fegato, moltissimo, però, anche nelle nostre cellule, che dunque sintetizzano questa sostanza grassa per il proprio fabbisogno. Anche il nostro intestino tenue produce colesterolo. Siamo quindi riforniti sia di colesterolo proprio dell'organismo sia di colesterolo proveniente dall'alimentazione attraverso le pareti della mucosa intestinale. Non da ultimo, anche le nostre cellule lipidiche sono delle piccole fabbriche per la produzione di colesterolo. Tutto questo dimostra, naturalmente, l'importanza di questa sostanza naturale.


Quanti più grassi abbiamo nel piatto, tanto più colesterolo assumiamo. Poiché questa sostanza grassa si trova praticamente in tutti i tessuti dei vertebrati, i carnivori se ne riforniscono abbondantemente. Anche la bile (così come le cellule della mucosa dell'intestino) aumenta i valori del colesterolo nei succhi digestivi, laddove il colesterolo contenuto negli acidi biliari è assorbito perfino più rapidamente dall'organismo. La disponibilità di colesterolo che penetra nel nostro metabolismo è, dunque, abbastanza elevata.
Un'alimentazione ricca di grassi, perciò, può far aumentare il rischio di avere un livello patologico di colesterolo nel sangue.

Come abbasare il colesterolo: i migliori consigli.


- rinunciare a uova e alla pelle dei volatili;
- non mangiare carni grasse, carne tritata o insaccati;
- limitare anche il consumo di formaggio, burro, salse o condimenti ricchi di grassi;
- ridurre in generale anche i dolciumi e le bibite dolci;
- convertirsi da un'alimentazione a base di cereali bianchi (panini, pane bianco, pasta ecc.) a un'alimentazione a base di cereali integrali. Al posto del riso raffinato portare in tavola, ad esempio, riso naturale o integrale;
- l'alimentazione dovrebbe consistere il più possibile di frutta, insalata, cibi crudi, verdure, patate e cereali integrali;
- utilizzare oli vegetali in cucina, al posto di grassi solidi;
- ridurre il sovrappeso;
- rinunciare il più possibile alle sigarette. La nicotina restringe i vasi e riduce il metabolismo cellulare;
- meno stress. Gli ormoni dello stress, come l'adrenalina o il cortisone, stimolano il fegato ad aumentare la produzione di colesterolo;
- più sonno, più rilassamento e più momenti di pausa;
- più movimento all'aria aperta, ricca di ossigeno. Questo attiva il metabolismo e incentiva l'utilizzo del colesterolo.



Potrebbero interessarti altri articoli del blog



L'argento Colloidale, potente rimedio naturale
Omaggio L'argento Colloidale, potente rimedio naturale

Iscriviti a My Macro e ricevi questo omaggio!

Voglio ricevere L'argento Colloidale, potente rimedio naturale