Newsletter, Omaggi, Area acquisti e molto altro. Scopri la tua area riservata: Registrati Entra Scopri l'Area Riservata: Registrati Entra
Home / Blog / Scienza e Fisica Quantistica

Come si svolge l'ipnosi regressiva?

Scienza e Fisica Quantistica

Come si svolge l'ipnosi regressiva?

Scienza e Fisica Quantistica

Come si svolge l'ipnosi regressiva?
20 condivisioni


Roberta Sava - 01/01/2016

Cos’è l’Ipnosi Regressiva?

 

In poche parole, l’ipnosi è una tecnica per raggiungere la trance, ossia uno stato naturale di coscienza diverso sia dal sonno che dalla veglia. Semplice. Tutto qui. Niente macumbe o formule segrete. Con delle semplici immagini, conduco il paziente attraverso un percorso interiore durante il quale abbasso l’attività dell’emisfero sinistro – quello preposto alle funzioni logico-critiche e che non sta mai in silenzio – e alzo quella dell’emisfero destro, deputato ai ricordi e alle emozioni. Perché è proprio in quest’ultimo che sono conservate le memorie antiche.

 

Ipnosi regressiva e linea del tempo


[…] L’ipnosi diviene “Regressiva” quando i contenuti che emergono vengono ricondotti alla linea del tempo, così come viene da noi convenzionalmente riconosciuto e usato. Oggi sappiamo che il tempo non esiste e che le nostre vite sono sincroniche, ossia che quelle passate e future, insieme a quella attuale, coincidono in un eterno presente. Non solo coincidono, ma si influenzano a vicenda: in altre parole, se oggi ho imparato a chiedere perdono e a ringraziare l’altro per avermi fornito una preziosa occasione di apprendimento, anziché considerarlo il mio carnefice, questo concetto viene contemporaneamente acquisito anche dalla me che nel 1235 ha dato inizio a una faida in Galles, cambiando sincronicamente tutte le mie vite. Quindi, quella me del 1235 non va più a vendicare il torto subìto, piombando sul villaggio vicino: anzi, offre un banchetto di ringraziamento arrostendo il vitello grasso. La me di oggi e la me di quel lontano 1235 sono connesse dalla Matrix.
Consentitemi ancora una metafora. Facciamo l’ipotesi che io abbia un’azienda con numerosi negozi dislocati in varie città nel mondo: ognuno di questi negozi, peraltro identici fra loro, fa capo a me, che sono la sede centrale. Se nel negozio di Pechino uno degli articoli da me venduti crea un danno al cliente a causa di un difetto di progettazione, questo viene immediatamente comunicato alla sede centrale che, a sua volta, comunica l’evento e modifica l’articolo in tutti i suoi negozi, ovunque essi siano. Sincronicamente, ogni negozio beneficia del miglioramento dell’articolo.
Ora sovrapponete l’immagine dei numerosi negozi alle innumerevoli vite emanate da una singola Anima Unica (la sede centrale), e dislocateli lungo l’asse del tempo. Una sorta di franchising dell’Anima.
In altre parole, tutto ciò che viene acquisito da un’Anima nel corso della sua esperienza terrena viene trasmesso all’Anima Unica che l’ha generata. Quest’ultima, dunque, acquisisce i contenuti di tutte le sue emanazioni sincroniche – le singole Anime che fanno esperienze di vita su vari livelli e piani diversi – e, a sua volta, le restituisce. Quindi, la me di oggi ha un’Anima portatrice della consapevolezza acquisita sia in tutte le mie vite, sia in tutte quelle delle mie Anime Gemelle emanate dalla mia Anima Unica.
Lo ripeto: siamo tutti Uno.
Se non avete capito esattamente la metafora (la fisica quantistica è decisamente ostica e qui sto parlando di entanglement o correlazione quantistica), lasciate perdere e usate come riferimento l’asse del tempo e il viaggio che l’Anima compie di vita in vita. Funziona benissimo ugualmente.

 

Ritrovarsi attraverso l'ipnosi regressiva


La prima volta che ho trovato una vita sincronica durante una regressione non riuscivo a capire come fosse possibile che Rosy, una maestra trentasettenne di Viterbo, potesse rievocare la vita di un bambino morto a dodici anni nella Cagliari degli anni Settanta, mentre in quel periodo lei andava alle elementari a Roma. Quel bambino era tragicamente morto a un incrocio, in un incidente automobilistico. Dopo la regressione, Rosy mi raccontò che, fin da bambina, nutriva un’inspiegabile paura degli incroci: che guidasse lei o guidassero altri, in loro prossimità sobbalzava, come succede quando alle nostre spalle c’è un rumore improvviso, e per questo veniva persino bonaria- mente derisa. Non me ne aveva parlato prima perché non vi aveva mai dato importanza. Una settimana dopo la regressione questa paura era però completamente scomparsa. A me questo è bastato. Quando un paziente rievoca una sua vita precedente non ci è dato sapere se effettivamente sia la sua o se appartenga alla sua Anima Unica. Questo particolare, ad ogni modo, non è rilevante ai fini della guarigione: come dico sempre, anche se la persona si fosse immaginata tutto, per me il contenuto emerso sarebbe comunque importante, dato che fra decine di scenari fantastici che avrebbe potuto scegliere, ha scelto proprio quello che poi mi ha riportato in seduta.
[…] In alcune regressioni può capitare di incontrare i nostri attuali familiari, nelle vesti degli aguzzini che in quelle antiche vite ci hanno fatto soffrire, ma non succede mai che si torni a casa e si chieda il divorzio al coniuge che abbiamo appena visto avvelenarci nel Medioevo per questioni di eredità. Non dimenticate che il nostro saggio Sé Superiore ci mostra solo quei contenuti che siamo pronti ad accettare e assimilare. Inoltre, per via delle legge karmica, se il nostro attuale marito ci ha avvelenati nel lontano 1324, è probabile che due vite prima noi lo abbiamo ucciso a nostra volta: si comprende cioè che non esistono vittime e carnefici, ma solo Anime che imparano.
Siamo tutti in cammino. Lo stesso cammino per tutti. In definitiva, l’esperienza con l’Ipnosi Regressiva è un appassionante viaggio in compagnia di noi stessi, declinati nelle mille sfaccettature che la nostra Anima cesella vita dopo vita. Siamo noi che amiamo o odiamo qualcuno; siamo noi che salviamo o condanniamo. Siamo sempre noi che comprendiamo o neghiamo la vita. Siamo noi i figli, i genitori, gli amanti, gli amici, i fratelli, i complici o i compagni di viaggio di noi stessi e abbiamo sempre un copione da recitare e far recitare.

Estratto dal libro "Ipnosi regressiva" di Roberta Sava

 

 


 

Seguici anche su

facebookGoogle Plus

twitter

 


 


Roberta Sava
 Roberta Sava, laureata in Psicologia e specializzata in Psicoterapia Psicoanalitica Infantile, svolge l'attività di psicoterapeuta da vent'anni... Leggi la biografia
 Roberta Sava, laureata in Psicologia e specializzata in Psicoterapia Psicoanalitica Infantile, svolge l'attività di psicoterapeuta da vent'anni a Roma.Nel 2000 ha iniziato a interessarsi di Psicologia Transpersonale studiando i fenomeni di coscienza particolari e approfondendo le tematiche della morte e dell'accompagnamento ai malati... Leggi la biografia

20 condivisioni

Potrebbero interessarti altri articoli del blog


Libro in formato e-book:
Omaggio Libro in formato e-book: "Spiritual Mind"

Iscriviti a My Macro e ricevi questo omaggio!

Voglio ricevere Libro in formato e-book: "Spiritual Mind"