Newsletter, Omaggi, Area acquisti e molto altro. Scopri la tua area riservata: Registrati Entra Scopri l'Area Riservata: Registrati Entra
Home / Blog / Medicina Integrata

La Genesi del cancro

Medicina Integrata

La Genesi del cancro

Medicina Integrata

La Genesi del cancro

La parola cancro fa paura, richiama morte, sofferenza e decadimento legato alla malattia e alle terapie impiegate. È questa paura, insieme al luogo comune secondo cui “al cancro si fa la guerra”, che fa scattare l’urgenza di liberarsene eradicandolo il più in fretta possibile.
Non esiste “il cancro”: ne esistono almeno tanti quanti sono i tessuti e gli organi di cui siamo fatti. Ogni malato ha il suo. Su una buona parte di questi ritengo più opportuno intervenire in maniera meno bellicosa, ma più ragionata e non per questo meno efficace.


Ennio Masciello - 25/01/2021

Articolo del Dott. Ennio Masciello - Tratto da Scienza e Conoscenza n. 75


 

La malattia cancro non è solo un problema dell’organo che se ne fa carico, ma dell’intero organismo che ha perso il controllo della replicazione corretta delle sue cellule. 

Come fa solo qualche cellula tumorale ad avere il sopravvento sul resto di un organismo che pesa 60-80 chilogrammi e che ha dalla sua un numero elevatissimo di meccanismi difensivi? Perché ci sono una serie di condizioni che ne possono favorire la crescita incontrollata. Queste condizioni possono essere interne e o esterne al nostro organismo come la scarsa o errata funzionalità dei drenaggi connettivali, l’eccessiva acidificazione del soggetto, l’inquinamento che ci circonda e che ci entra nel nostro corpo tramite l’acqua, l’aria e il cibo.

Da ciò l’opportunità di agire sull’individuo presto, direi prima dell’inizio delle terapie atte all’ablazione del male. Anche perché più o meno tutti i presidi utilizzati producono essi stessi condizioni pro oncogene, o mutagene.

Penso che il controllo sulla cancerogenesi non sia al 100% attivo o al 100% disattivato, ma che segua un percorso di decadimento progressivo che ci permette di avere del tempo per interagire con la neoplasia e in un certo senso di “governarla” o almeno di provare a farlo.

 

Agire il prima possibile, in maniera ragionata 

Questo parziale controllo è valido essenzialmente all’inizio con la prima o le prime generazioni di cellule neoplastiche, cioè quelle più differenziate.

Le CAM (Medicine Complementari e Alternative) che interagiscono con una prima generazione di cellule tumorali sono molto più efficaci di quanto lo saranno le successive. Contemporaneamente è risaputo che anche la chemioterapia è più efficace all’inizio e che perde efficacia nel tempo.

Il progressivo calo e perdita di efficacia viene riconosciuto alle cure ormonali, agli inibitori delle Aromatasi e a varie categorie di chemioterapici.

A riprova delle mie affermazioni porto l’analisi di due pubblicazioni.

La prima:
nel settembre 2019 viene pubblicata dalla rivista «Nature Communication» un’anteprima che riferisce le seguenti ipotesi: studio di laboratorio su 50 mila cellule di cancro mammario trattate con anti ormonali possono tornare a manifestarsi in un terzo dei casi, anche dopo 20 anni. Questo, presumibilmente attraverso la trasformazione di alcune cellule neoplastiche in cellule in stato dormiente (stato chiamato di dormancy) cioè in grado di restare tali o di fare ripartire il tumore con possibile diffusione sistemica.
Con il tempo si può si crea una resistenza ai farmaci; anche in questo caso sono chiamati in causa gli anti ormonali.
La seconda:
«BMJ Case Report» (British Medical Journal Casi Clinici) Published online 2009 Oct. 5. Giant cutaneous melanomas: evidence for primary tumor induced dormancy in metastatic sites, William W.Tseng, Judy A. Doyle, Sheilangh Maguiness, Andrew E. Horyal, Mohammed Kashani.
Premesse:
il melanoma è la forma più diffusa e maligna di cancro della pelle. Le forme puramente primarie sono il 90% e hanno un tasso di sopravvivenza a 10 anni del 75-85%, quelle con metastasi sopravvivono a 10 anni tra il 20-40%.
Raramente si vedono melanomi di 1 centimetro, mai di 8 o 19 centimetri. [Continua..]
Puoi continuare la lettura di questo articolo su Scienza e Conoscenza n.75

ACQUISTA LA RIVISTA SCIENZA E CONOSCENZA N. 75


POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

 


 

Immagine a corredo: Colin Behrens da Pixabay 

 


Ennio Masciello
Medico, chirurgo e Omeopata. Collabora con la redazione di Scienza e Conoscenza alla Rubrica "Casi Clinici". Leggi la biografia
Medico, chirurgo e Omeopata. Collabora con la redazione di Scienza e Conoscenza alla Rubrica "Casi Clinici". Leggi la biografia

Potrebbero interessarti altri articoli del blog



Potrebbero interessarti


L'argento Colloidale, potente rimedio naturale
Omaggio L'argento Colloidale, potente rimedio naturale

Iscriviti a My Macro e ricevi questo omaggio!

Voglio ricevere L'argento Colloidale, potente rimedio naturale