Newsletter, Omaggi, Area acquisti e molto altro. Scopri la tua area riservata: Registrati Entra Scopri l'Area Riservata: Registrati Entra
Home / Blog / Medicina Non Convenzionale

Che cosa non è l'Āyurveda – prima parte

Medicina Non Convenzionale

Che cosa non è l'Āyurveda – prima parte

Medicina Non Convenzionale

Che cosa non è l'Āyurveda – prima parte

Sentiamo sempre più spesso parlare di Āyurveda, ma sappiamo davvero di cosa si tratta? In questo articolo parliamo di Āyurveda partendo da cosa non è


Antonio Morandi - 03/05/2019

Tratto dall’ebook Il Paradigma dell’Ayurveda

Si parla molto di Āyurveda al giorno d’oggi ma spesso, pur­troppo, circolano informazioni errate. Talvolta la moda dell’In­dia e dell’Oriente trascina l’Āyurveda nell’aura del folklore e del mistero esotico, altre volte una conoscenza superficiale ne stravolge l’essenza pura; o la piega al riduzionismo facendola diventare così un’appendice strumentale della biomedicina o, ipersemplificandone i principi, la sfrutta per scopi puramen­te commerciali e sconsiderati.

Tutto questo delegittima gra­vemente l’Āyurveda, privandola della sua identità culturale e scientifica e costruendo una barriera di pregiudizi che limitano in modo disastroso un confronto costruttivo con la medicina moderna. Ovviamente esiste anche, un’informazione seria e adeguata, corroborata da fonti classiche e ricerche moderne che, oltre a diffondere un’immagine seria e reale dell’Āyurv­eda, ne mette in evidenza la straordinaria attualitá e la pos­sibilità di interazione e collaborazione con la Medicina e la Scienza Moderna.


 

Scopri l'ebook


 

Tuttavia quest’ultimo tipo di comunicazio­ne si confonde e diluisce nel marasma della ciclopica infor­mazione oggi disponibile, e viene coperta dalla suggestione della faciloneria che suggerisce mistici portentosi rimedi, o che nega aprioristicamente e acriticamente ogni evidenza di efficacia. È quindi necessario richiamare l’attenzione su con­cetti e fatti fondamentali dell’Āyurveda per chiarirne la vera natura e anche per meglio orientarci nel panorama attuale delle medicine non convenzionali. Questo libro è una raccol­ta di articoli, alcuni di essi inediti, che rappresentano aspetti non sempre conosciuti dell’Āyurveda e che offrono una pro­spettiva nuova di questo antico, ma incredibilmente, attuale, sistema di conoscenza.

Per preparare il lettore a una prosecuzione ragionata del­la lettura e libera da errati preconcetti o convinzioni, ritengo opportuno e utile, in questo periodo di confusione e disinfor­mazione, definire “cosa l’Āyurveda non è” piuttosto ciò che è. È pratica comune nelle antiche culture, per esprimere un con­cetto molto complesso e vasto, indicare cosa esso non è piut­tosto ciò che è, la cosiddetta ”via negativa”. Adottiamo quindi questa logica con l’Āyurveda attraverso l’esame di una serie di affermazioni al negativo, la cui discussione offrirà anche spunti e indicazioni utili per per la lettura dei vari articoli che com­pongono questo libro.

1. L’Āyurveda non è benessere

Questa affermazione iniziale potrebbe risultare in un pri­mo momento, sulla scorta di quanto si dice comunemente dell’Āyurveda, veramente sconvolgente, tuttavia è profonda­mente vera. Molte volte l’uso delle parole viene fatto in modo superficiale senza considerarne il vero significato. Nel mon­do attuale caratterizzato da una continua stimolazione quasi aggressiva della percezione sensoriale, il raggiungimento del benessere, dello star bene appunto, attraverso la soddisfazio­ne dei sensi sembra che sia il solo obiettivo valido e ciò viene erroneamente scambiato per salute.

Ecco allora un prolifera­re di attività e tecniche che offrono un facile raggiungimento del piacere sensoriale in cui, per una serie di idee superficiali e concezioni errate, viene inclusa anche l’Āyurveda. La salute però è un’altra cosa ed è questo il vero scopo dell’Āyurveda. L’Āyurveda si propone infatti di promuovere, mantenere o re­cuperare la salute dell’individuo e della comunità(1).

Lo stato di salute è la capacità del nostro complesso corpo-mente di rispondere in modo adeguato, adattandosi alle stimolazioni dell’ambiente, così che il nostro sistema mantenga un equi­librio funzionale fisico, mentale e psicologico(2). All’equilibrio che consegue a un pieno stato di salute corrisponde un stato di pienezza e soddisfazione anche sensoriale. Lo stato di be­nessere per la visione dell’Āyurveda è quindi solo un effetto secondario di uno stato di salute che invece è il suo obietti­vo primario. Possiamo quindi affermare che l’Āyurveda non è benessere ma è Salute.

2. L’Āyurveda non è una tecnica di massaggio

Nell’immaginario collettivo occidentale l’Āyurveda è pur­troppo spesso associata ai fantomatici “massaggi ayurvedici”, tanto che talvolta viene intesa solo come una tecnica di mas­saggio. Sempre all’inseguimento del piacere, del relax e della fuga dalla realtà si moltiplicano centri, SPA e istituti di bellezza dove vengono proposte improbabili “coccole dorate” ayurve­diche a base di massaggi e manipolazioni varie.

In molti casi reali tecniche terapeutiche ayurvediche vengono brutalmente sconvolte per divenire bizzarri strumenti estetici. E sono per giunta eseguiti da persone inconsapevoli della reale e poten­ziale natura delle tecniche che applicano. Niente di questo ri­guarda o rappresenta l’Āyurveda. Il “massaggio ayurvedico” non esiste. Esistono invece i trattamenti fisici in Āyurveda che rappresentano un’importantissima parte delle sue tecniche terapeutiche e sono mirati a ristabilire l’equilibrio in caso di disturbo e malattia. Rappresentano uno strumento di note­vole valore medico che deve essere utilizzato da personale altamente specializzato e con una conoscenza profonda della materia.

I trattamenti ayurvedici devono inoltre essere coordi­nati con le altre modalità terapeutiche previste per ottenere un coerente risultato ottimale. L’Āyurveda è infatti un sistema medico completo e coordinato, non un’insieme di tecniche a sé stanti, e come tale prende in considerazione tutti i tipi di di­sturbi e malattie. La modalità di prevenzione e cura dell’Āyurv­eda è multidimensionale e avviene attraverso diversi elementi quali: lo stile di vita, la nutrizione, la farmacologia, i trattamenti fisici, la mente, prendendo in considerazione l’intera persona e non solamente l’espressione sintomatologica.

Vale la pena ricordare che Organizzazione Mondiale della Sanità riconosce l’Āyurveda come Medicina Tradizionale e ne promuove l’atti­vità e l’inserimento, insieme ad altre Medicine Tradizionali, nei Sistemi Sanitari delle nazioni occidentali per fornire una mi­gliore assistenza e funzione(3); in Italia l’Āyurveda è riconosciu­ta come atto medico dalla FNOMCeO (Federazione Naziona­le dei Medici Chirurghi ed Odontoiatri)(4).

Si può quindi affermare che l’Āyurveda non è una tecnica di massaggio ma un Sistema Medico Completo.

3. L’Āyurveda non è una medicina alternativa

Anche questa affermazione può lasciare un tantino per­plessi, ma come al solito è importante l’uso corretto delle pa­role. Indicare qualcosa come “alternativo” vuol dire che può essere usata al posto di un’altra cosa, di cui quindi o viene negato il valore o viene considerato talmente identico da potere essere sostituito. Quest’affermazione può quindi creare divisioni e contrasti.

L’Āyurveda è una Medicina Tradizionale, un sistema complesso di conoscenza con una distinta e sofisticata episte­mologia e in quanto tale non può essere alternativo a niente, non può nè sostituire né essere sostituito. Lo stesso discorso è ovviamente valido anche per la Medicina Moderna. La peculiare epistemologia dell’Āyurveda affonda le sue radici nel comples­so e multidimensionale universo filosofico-scientifico dell’India. Questo rende l’Āyurveda espressione unica di un sistema di co­noscenza antico e tradizionale.

A mio parere, una collaborazione paritetica fra Āyurveda e Medicina Moderna può veramente of­frire un notevole valore aggiunto. Per far questo l’unica via per­corribile, che rispetti la dignità e la coerenza di entrambi i siste­mi, è attraverso l’identificazione di punti in comune che possano stabilire contatti, indicare sinergie e modelli teorico-pratici che permettano l’emergenza di un paradigma superiore valido per entrambi i sistemi. Questa idea è stata da noi elaborata nel con­cetto di “Collaborative Medicine and Science”, una nuova moda­lità di interazione fra Medicine Tradizionali e Medicina Moderna recentemente presentato alla comunità scientifica (5, 6).

Si può quindi affermare che l’Āyurveda non è una Medici­na Alternativa ma una Medicina Tradizionale.

 

BIBLIOGRAFIA

(1) Morandi A., Tosto C., Roberti di Sarsina P., Dalla Libera D. “Salutogenesis and Āyurveda: indications for Public Health management” The EPMA Journal 2,4 459-65 (2011) DOI 10.1007/s13167-011-0132-8.

(2) Morandi A., Delle Fave A. “The Emergence of Health in Complex Adaptive Systems: A Common Ground for Āyurveda and Western Science” in Morandi A., Nambi A.N. Narayanan (Eds) “An integrated view of Health and Well-being - Bridging Indian and Western Knowledge” Series on Cross-Cultural Advancements in Positive Psychology, pp 163-185 vol. 5 2013, XI Springer Verlag.

(3) World Health Organization (WHO) “WHO Traditional Medicine Strategy: 2014-2023”. 2013. WHO. Hong Kong.

(4) Roberti di Sarsina P, Morandi A, Alivia M, Tognetti M, Guadagni P. “Medicine Tradizionali e Non Convenzionali in Italia. Considerazioni su una Scelta Sociale per la Medicina Centrata sulla Persona.” Advanced Therapies-Terapie d’Avanguardia 2012;1:3-29.

(5) Manohar RP, Morandi A, Delle Fave A. “The integration quagmire: Why we need to watch our steps” Ancient Science of Life 2015; 34: 123-5.

(6) Morandi A. “The Challenges Of A New Path Of Research In Āyurveda” Annals Of Ayurvedic Medicine 2018; 7; 1-2: 9-13.

(7) Morandi A., Sartori G., Tosto C. “La Formazione in Āyurveda in Italia: attualità, esigenze, criticità, prospettive” in Roberti di Sarsina P., Tognetti M., Gensini G. (a cura di) La Formazione nelle Medicine Tradizionali e Non Convenzionali in Italia: attualità, esigenze, criticità, prospettive. pp 110-133 Franco Angeli, Milano (2015).


Antonio Morandi
Antonio Morandi è Neurologo ed esperto di Ayurveda, Diplomato in India. È direttore di “Ayurvedic Point” Centro e Scuola di Ayurveda a... Leggi la biografia
Antonio Morandi è Neurologo ed esperto di Ayurveda, Diplomato in India. È direttore di “Ayurvedic Point” Centro e Scuola di Ayurveda a Milano. Presidente di S.S.I.M.A. (Società Scientifica Italiana di Medicina Ayurvedica), autore di decine di articoli scientifici sull’Ayurveda pubblicati sulle più importanti riviste internazionali di... Leggi la biografia

Potrebbero interessarti altri articoli del blog



Che cos'è l'Energia?
Omaggio Che cos'è l'Energia?

Iscriviti a My Macro e ricevi questo omaggio!

Voglio ricevere Che cos'è l'Energia?