Newsletter, Omaggi, Area acquisti e molto altro. Scopri la tua area riservata: Registrati Entra Scopri l'Area Riservata: Registrati Entra
Home / Blog / Astronomia e Astrofisica

2012 e Inversione dei Poli

2 condivisioni


Luca46 - http://forum.meteo4.com/ - 01/01/2016

Ho l'impressione che si stia facendo un po' di confusione. Intanto l'inversione dei poli di cui si parla riguarda i poli magnetici e non quelli geografici. Alcuni scienziati sostengono che le glaciazioni siano dovute a questa inversione dei poli magnetici. Cosa che è tutta da dimostrare.

Il vero mistero legato al campo magnetico terrestre riguarda la sua incostanza nel corso del tempo.
Per motivi che non sono ancora stati del tutto chiariti, a distanza di migliaia o centinaia di migliaia di anni i poli magnetici della Terra si invertono, con conseguenze che ovviamente non sono esplicabili se non in via teorica. Gli studi condotti sul paleomagnetismo, che riguarda l'analisi del magnetismo delle rocce di cui si trova traccia da milioni di anni a questa parte, hanno permesso di chiarire che sulla Terra si sono alternati periodi di polarità normale con periodi di polarità inversa.

Questi periodi vengono definiti "epoche magnetiche". Infatti le rocce contengono minerali magnetici (ossido di ferro) le cui particelle, durante il raffreddamento, si orientano secondo il magnetismo terrestre. Perciò, esaminando il magnetismo degli strati di lava che si sono depositati e raffreddati in epoche diverse, è stato possibile ricostruire l'andamento nel tempo del campo magnetico del pianeta. Alcuni scienziati ritengono, sulla base dei dati in possesso, sia possibile affermare che i poli magnetici della Terra si siano invertiti oltre una decina di volte negli ultimi 30 milioni di anni, probabilmente non con una frequenza precisa ma all'incirca ogni 300 mila anni.

L'ultima inversione si sarebbe verificata circa 780 mila anni fa,
anche se non tutta la comunità scientifica è d'accordo sulla datazione di questi eventi epocali. Gli studi condotti nel XX secolo sul magnetismo terrestre hanno permesso di calcolare che nell'ultimo secolo il campo magnetico della Terra si è ridotto del 10%. Studiando i modelli matematici della struttura interna della Terra, in cui si considera il nucleo solido e lo strato di ferro allo stato liquido che lo avvolge (i cui movimenti generano, per effetto dinamo, il campo magnetico terrestre) e approntando opportune equazioni magnetoidrodinamiche, Glatzmaier e P. Roberts hanno predisposto dei programmi di simulazione della struttura interna della Terra e delle interazioni tra i fluidi conduttivi e il campo magnetico.

Secondo i due scienziati americani queste inversioni richiedono alcune migliaia di anni per completarsi e, a differenza di quello che si pensava, non comportano l'azzeramento del campo magnetico ma una sua modifica. Durante le inversioni dei poli il campo magnetico non scompare ma modifica la sua struttura e diventa più complesso. Le sue linee di forza in prossimità della superficie terrestre tendono a divenire aggrovigliate e i poli magnetici si spostano prima di completare l'inversione.

L'Alba dell'Astronomia
A cura di Luigi Cozzi
€ 35
Guida Pratica all'Astronomia
l'ABC dell'astrofilo e delle osservazioni
€ 15
Astronomia e Cosmologia
Pianeti, satelliti, stelle, galassie, costellazioni, le teorie sull'origine e sull'evoluzione dell'universo. Gli astronomi. Gli osservatori. Le missioni spaziali
€ 35.5

Gli scienziati ritengono dunque che in tale evento epocale non vi sia l'azzeramento del campo magnetico ma questo continui ad esistere anche se con caratteristiche che, come abbiamo visto, sono diverse dai periodi di polarità normale. Anche se ci muoviamo nell'ambito delle ipotesi, perché pur sempre di ipotesi si tratta, gli studi di Glitzmaier e Roberts dimostrerebbero che l'inversione dei poli magnetici non dovrebbe avere conseguenze devastanti per la vita sulla Terra, anche perché darebbero ragione del fatto che se anche ci fossero state almeno due inversioni nell'ultimo milione di anni, la razza umana non si è estinta, anche se forse è giunta prossima all'estinzione diverse volte con gli effetti delle glaciazioni.

Sempre restando nel campo delle ipotesi l'inversione dei poli porterebbe la Terra ad avere una minore schermatura contro il vento solare e questo potrebbe comportare un assottigliamento dello strato di ozono e una maggiore penetrazione delle radiazioni ultraviolette che determinerebbe un aumento delle malattie tumorali per gli esseri umani. Il fenomeno potrebbe avere anche effetti sulle specie animali che impiegano il campo magnetico per il proprio orientamento (le balene, le tartarughe, alcune specie di uccelli migratori).

De Santis ritiene che le cause della possibile inversione del campo magnetico terrestre possano essere ricercate proprio nei moti turbolenti che si verificano nello strato fluido metallico che sovrasta il nucleo solido del pianeta, con una sorta di meccanismo di geodinamo "autoalimentato" che originerebbe nuovi flussi di campo magnetico. Le energie che alimentano questi moti turbolenti sarebbero legate al moto di rotazione del pianeta e probabilmente al processo di accrescimento del nucleo solido.


Luca46 - http://forum.meteo4.com/
Leggi la biografia
Leggi la biografia

2 condivisioni

Potrebbero interessarti altri articoli del blog



Che cos'è l'Energia?
Omaggio Che cos'è l'Energia?

Iscriviti a My Macro e ricevi questo omaggio!

Voglio ricevere Che cos'è l'Energia?