Scienza e Fisica Quantistica
Consapevolezza e Spiritualità


quARte: per una visione quantistica della qualità della vita

Il programma strategico "quARte" di innovazione e sviluppo propone di dialogare su criteri del cambiamento concettuale, al fine di condividere una una nuova dimensione culturale nella scienza e nell'arte contemporanee


Paolo Manzelli - 25/11/2013

quARte: per una visione quantistica della qualità della vita

Il cambiamento sociale necessario a dare vita ad una nuova fase epocale dello sviluppo non e' possibile se, contemporaneamente, non si genera un profondo cambiamento concettuale che incida nel rimodulare i preconcetti e le limitazioni cognitive prodotte da precedenti concezioni. Il programma strategico "quARte" di innovazione e sviluppo propone di dialogare su criteri del cambiamento concettuale, al fine di condividere una una nuova dimensione culturale nella scienza e nell' arte contemporanee.

La conferenza Exibition di Pietra Santa (09-Nov.2013) e da considerarsi una Pietra Miliare, dello Sviluppo del Progetto "quARte", il quale si propone di sviluppate una nuova dimensione concettuale dell'arte e della scienza quantistica e della realta aumentata del terzo Millennio. (1)
 
Uno dei concetti messi in nuova luce nella confeenza-exibition di Pietrasanta, (Premiata dalla Medaglia Di Rappresentanza per la innovazione culturale dal Presidente della Repubblica), è il seguente:
“IL MONDO MACROSCOPICO CHE OSSERVIAMO E' IN VERO UNA UTILE ILLUSIONE IN QUANTO CIO’ CHE PERCEPIAMO È COSTRUITO CEREBRALMENTE COME UNO SCENARIO ANTICIPATIVO DELLA PREVISIONE DELLE POSSIBILI INTERAZIONI QUANTISTICHE DEL NOSTRO MUOVECI NELL'AMBIENTE. QUANTO SOPRA SIGNIFICA CHE LA SENSAZIONE PERCETTIVA VIENE ELABORATA DEL CERVELLO CON MODALITA' QUANTISTICHE CHE RISULTANO IN UNA PREVISIONE DEL FUTURO DELLE POSSIBILI NOSTRE INTERAZIONI NELL' AMBIENTE”. (2)
 
Il cervello quantico (Quantum Brain) crea lo scenario probabilistico della realtà dinamica che osserviamo, sulla base della comunicazione quantistica della informazione che si attua per la diffusione alle sinapsi cerebrali di fenomeni “entanglement quantistico” prodotti da neurotrasmettitori confinati nelle fessure delle nano-sinapsi. La comunicazione quantistica coerente prodotta nelle nano-sinapsi attiva tutte le sensazioni che coscientemente percepiamo nella attivita diurna della vita, ma anche durante l’ attivita onirica ( sogno Rem = Rapid Eye Movement); cosi possiamo dire in vero che le manifestazioni sensoriali ci danno informazioni solo probabilistiche ed a volte ingannevoli di ciò che udiamo,odoriamo, gustiamo e vediamo. (3)
Tale punto di vista innovativo condiviso nel Programma "quARte", è diametralmente diverso rispetto al tradizionale concepire la percezione umana entro una riduzionista logica "meccanica- quantitativa" nella quale si ritiene che ad es. la visione cerebrale, sia un semplice fotogramma ovvero un filmato del presente. La nuova concezione quantistica della percezione umana, tende pertanto a favorire e stimolare una rinnovata dimensione innovativa della creatività nelle espressioni artistiche e scientifiche in ogni loro forma, che certamente sarà piu’ cosciente, esercitandosi sulla base della nuova dimensione cognitiva che asserisce che cio' che percepiamo e il costrutto mentale quantistico che come tale prelude al futuro probabile del comportamento umano nell'ambiente. (4)
La Teoria del “Quantum Brain (QBT)” rappresenta una concezione innovativa che è stata ri-eleborata da molti punti di vista dei relatori e dal dialogo della Conferenza-exibition di Pietrasanta, ed è pertanto un risultato collaborativo, che possiamo considerare un elemento tangibile di creatività concettuale che si articolerà delle varie forme di espressione innovativa nel futuro piu’ prossimo della innovazione cognitiva dell’ arte e della scienza. (5) Pertanto il network di artisti e scienzati "quARte" si propone di sviluppare e disseminare la QBT con future attività di arte e scienza quantistica e di tecnologia della comunicazione in Realta Aumentata.
 
Le motivazioni del Programma “quARte-2014” saranno pertanto dedicate alla promozione sociale delle prospettive di una nuova visione quantistica della qualità delle vita e dell' ambiente nella futura societa’ della conoscenza. L'obbiettivo fondamentale sarà pertanto quello di sviluppare una strategia cognitiva e culturale per effettuare la transizione tra una visione meccanica del mondo concepita come moltitudine di oggetti separati, ad una visione quantistica di un tutto “olistico e indivisibile", perché generata da una visione di relazioni dinamiche probabilistiche che coinvolgono simultaneamente materia energia ed informazione. Tale trasformazione concettuale e di ampia estensione cognitiva verrà finalizzata nel aggregare una rete di orizzonti trans-disciplinari tra scienza ed arte quantistiche e la realtà aumentata fondati sulla consapevolezza condivisa dell’interrelazione ed interdipendenza di tutti i fenomeni: fisici, biologici, psicologici, sociali e culturali e spirituali. Le grandi linee di questa nuova cornice paradigmatica sono ormai in via di una più complessa elaborazione capace di incidere su nuovi modi di pensare e di creare interazioni cognitive innovative tra le persone e l’ambiente per la salvaguardia della vita e della sua bio-diversità che altrimenti stiamo distruggendo. Di fatto osserviamo che una “intelligenza biologica naturale” tende sistematicamente a colpire l'aberrazione mentale causata dal riduzionismo meccanico della scienza e della produzione che e stato concepito e sviluppato nel quadro della competitività economica della società industriale che oggi è ormai in fase di completa obsolescenza cognitiva che e la causa prima della più completa deprivazione e decrescita della coscienza umana.
Infine l'idea fondante della nuova iniziativa del Progetto “quARte-2014” sara quella di armonizzare rinnovate concezioni della percezione umana in un nuovo paradigma di sviluppo sociale e culturale che risponda alle esigenze di un futuro Rinascimento eco-ecologico della "creatività del pensiero olistico" per superare definitivamente l’epoca delle logiche riduzioniste “meccaniche” e per favorire lo sviluppo di migliori opportunità di sviluppo viste in relazione ad unna netta crescita del benessere nella qualita’ della vita e dell'ambiente in cui viviamo.

BIBLIO-ON-LINE
(1)    http://www.caosmanagement.it/52-quantum-art-science-augmented-reality
(2)    http://www.caosmanagement.it/n67/art67_03.html
(3)    http://www.nanopaprika.eu/forum/topics/quantum-brain-and-nano-synapses?commentId=1612324%3AComment%3A229726&xg_source=activity
(4)    http://gsjournal.net/Science-Journals/Research%20Papers-Biology%20/%20Medicine/Download/3184
(5)    http://www.caosmanagement.it/n77/art77_02.php



Leggi altri articoli su Scienza e Fisica Quantistica >>>

Leggi altri articoli di Paolo Manzelli >>>

acquista la rivistaAcquista ora l'ultima rivista

acquista la rivistaAcquista ora l'ultima rivista in formato elettronico (PDF)

Abbonati ora a Scienza e conoscenza!










Commenti degli utenti


  • Commento di Sergio Stagnaro , 27 novembre 2013

    Il mio caro e prezioso amico Paolo Manzelli - non so quanto volontariamente - ha scritto un "Inno alla Semeiotica Biofisica Quantistica",(SBQ), che molto deve al grandissimo Genio fiorentino (come ripeto spesso, citando la sua triadica forma di energia, che solo un Genio come lui poteva intenzionare secondo l'einsteiniano EIMPHUELUNG.*). La SBQ, infatti, rappresenta il paradigma, oserei dire il LOGO..., della "quARte" (se una teoria scientifica non è BELLA, non è nè utile nè vera), nel senso che ne esibisce tutte le caratteristiche fondamentali. Detto questo, a mio tramite, la SBQ offre, come segno di gratitudine, la dimostrazione delle salde basi della "quARte" con un facilissimo esperimento, riproducibile facilmente e a piacere da chi possiede ancora un fonendoscopio e soprattutto lo sa usare ad (quantum-) artem.Di base si valuta in un esaminando l'attività microcircolatoria cerebrale, per esempio, a livello di aree Pre-Frontale, Limbica, Nuclei Sopra-ottici, Amigdale (= area cerebrale dell'Umore).Successivamente, l'esaminando viene fatto avvicinare, a meno di 1 mt., ad un bicchiere d'acqua nella quale sono state sciolte 3-5 gocce di limone, di Cell-Food, oppure una punta di cucchiaino di bicarbonato di sodio - potrei continuare - e si agita bene l'acqua per 15-20 sec.Le sostanze sopra citate emettono notoriamente radiazioni elettro-magnetiche deboli, che la stessa acqua prima raccoglie sotto forma di Memoria-Informazione e poi la trasmette tutto intorno, quindi anche al corpo (= cervello) dell'esaminando e del Medico-esaminatore!A questo punto, valutata una seconda volta, l'attività microcircolatoria cerebrale, per esempio nell'area dell'UMORE, risulata significativamente attivata, secondo il Tipo I, fisiologico (www.semeioticabiofisica.it e www.sisbq.org). Siamo - oppure NO - tutti galileiani e anti-bellarminiani? Dunque sperimentiamo felici, riproducendo l'esperimento illustrato sopra, tentandone la confutazione, come vuole la Scienza. La corroborazione dell'esperimento, "dimostrerà" (in verità, la Scienza non dimostra NULLA: Nature and Mind, G. Bateson) che:A) siamo tutti parte di un ologramma cosmico;B) il cervelo non fotografa niente (l'esaminando può stare con gli occhi chiusi e non vedere quindi il bicchiere, ma i risultati sono identici a quelli riferiti);C) il cervello lavora non solo mediante ligandi (= recettori)-"ligati" (=ormoni, neurotrasmettitori-neuromodulatori), ma anche mediante Meccanismi Quantistici (= entanglement): Stagnaro Sergio e Paolo Manzelli. Semeiotica Biofisica Endocrinologica: Meccanica Quantistica e Meccanismi d’Azione Ormonali. Dicembre 2007, www.fce.it, http://www.fcenews.it/index.php?option=com_content&task=view&id=816&Itemid=45. Ora non mi diverto più e quindi chiudo il commento.* Einstein non conosceva la forma triadica di energia di Paolo Manzelli e meno che mai l'esperimento di Lory, come ho scritto in un datato Comment: Einstein and GodComment: http://blogs.nature.com/news/thegreatbeyond/2008/05/einstein_god_is_human_weakness.html Poor Einstein, a scientist who ignored the non local realm (See Lory's Experiment) since he knew only two energy forms (EM and EV)ignoring EI, the fundamental form which came for the Big-Bang, namely Energy Information. In addition, Einstein, although father of relativism, overlooked it when covered his face with the mask of theologian to repeat inversely the error of those theologians, who with the mask of scientist, stated that the Earth is in the centre, without moving itself. Posted by: Sergio Stagnaro MD | May 15, 2008 09:38 PM


L'ultimo numero


Newsletter


Speciale n. 11

3366
Download totali

Iscriviti alla newsletter
e ricevi GRATIS questo e-magazine!

 

Partner



Il meglio della fitoterapia!

Un'ampia gamma di prodotti: Alga spirulina, Hoodia gordonii, Garcinia cambogia, Griffonia, Maca Biologica, etc.
Banner Matt traverso





Ultimi numeri usciti




 
 



Prodotti più venduti







Articoli acquistabili

Partner


Scopri i libri di Rocco Palmisano su PH alcalino e salute.
natural point Tauro Essiccatori Versaper per succhi freschi Germogliatore