Newsletter, Omaggi, Area acquisti e molto altro. Scopri la tua area riservata: Registrati Entra Scopri l'Area Riservata: Registrati Entra
Home / Blog / Scienza e Fisica Quantistica

La Coscienza che osserva

Scienza e Fisica Quantistica

La Coscienza che osserva

Scienza e Fisica Quantistica

La Coscienza che osserva

L’Osservatore da esistenza all’Osservato


Redazione - Scienza e Conoscenza - 20/09/2021

A cura di Elena Sanda Chira, responsabile della collana di libri Scienza e conoscenza


 

«Il fatto che il mondo naturale sia comprensibile è davvero un miracolo». Albert Einstein

 

L’idea che ogni particella elementare, invece di essere una piccola massa inerte, in realtà altro non sia che un “bit concentrato di informazione”, che nel suo insieme va a formare il cosiddetto “campo informazionale”, è al cuore stesso di una inconciliabile differenza tra la visione del mondo offerta dalla fisica classica e quella offerta dalla fisica quantistica.

Nell’opera La Grande Equazione, Vittorio Marchi, oltre a tante altre riflessione, esprime il suo pensiero scientifico sul ruolo della coscienza nella vostra vita e nell’universo.

 

SCOPRI LA NUOVA EDIZIONE DEL LIBRO LA GRANDE EQUAZIONE, IN USCITA A NOVEMBRE 2021

È risaputo che fu Albert Einstein a dare inizio alla Teoria del Big Bang, ma non tutti sanno che nel 1917, anno in cui fu pubblicata la teoria della relatività generale che gettò le fondamenta della cosmologia moderna, egli non credeva in un universo in espansione. Arrivò ad accettare tale possibilità solo nel 1932, grazie ad alcune soluzioni compatibili con un universo in espansione, trovate proprio nelle sue equazioni, con le quali la stessa teoria del Big Bang trovò conferma. Con l’ingresso della fisica quantistica nella nostra cultura scientifica, l’Universo conosciuto non nasce più da un Big Bang, bensì, come dice Doug Matzke, fisico informatico statunitense, da un Bit Bang. E da quel momento (1927) l’Universo non è più un deposito di oggetti statici e separati tra loro, ma UN SINGOLO ORGANISMO di campi energetici interconnessi, in continuo stato di trasformazione, con tutte le sue componenti a livello infinitesimale impegnate in uno scambio di informazioni, interviaggianti da un punto all’altro della massa esistente.

Le implicazioni di queste prime scoperte sperimentali sono sconvolgenti; suggeriscono che l’ingrediente essenziale del nostro Universo è la Coscienza che osserva: una compartecipazione congiunta tra Osservatore e Osservato.

Eravamo abituati a pensare che ciò che ci circonda fosse già qualcosa e che questo qualcosa esistesse senza il nostro intervento o la nostra intenzione. Di fatto, dobbiamo invece cambiare questo nostro modo di pensare, perché persino un elettrone, come ha ammesso lo stesso premio Nobel Carlo Rubbia, ha una tendenza mentale. In effetti, dobbiamo riconoscere che persino il mondo materiale che ci circonda, essendo composto da particelle, che vanno a costituire, per esempio, la struttura di una sedia, di un tavolo, di un muro, di un tappeto, di una stanza o di qualsiasi altra cosa che sia solida, non è nient’altro che uno dei possibili atti di coscienza partecipata, come diceva John Wheeler, uno dei padri della bomba atomica.

 

La Coscienza della Grande Matrix

«Tutto è coscienza, e da essa tutto emerge come da una Grande Matrix», diceva Max Planck, padre della fisica quantistica già nel lontano 1944. Il fatto è che un oceano di onde di varia ampiezza e frequenza è alla base del nostro esistere. La stessa poltrona su cui sediamo è infatti costituita solo da onde, nient’altro che da onde di energia, formate da microparticelle, quali elettroni, bosoni, gluoni, fermioni, barioni, adroni, fotoni, quark e altri: tutti elementi che si muovono a una velocità vertiginosa, in una condizione che permette a questo nostro comodo sedile di mantenere la propria forma.

 

Questa raccolta di nuove idee è nota come Interpretazione di Copenaghen fin dagli anni Trenta del secolo scorso, a partire dal luogo in cui è nata e in cui il fisico danese Niels Bohr e il brillante fisico tedesco Werner Heisenberg formularono le prime osservazioni sulle loro straordinarie scoperte. Essi capirono che gli atomi non erano dei piccoli sistemi solari, costituiti da miliardi di piccoli nuclei e da altri orbitanti intorno a loro in maniera satellitare. Non erano cioè particelle, ma nubi energetiche, più o meno coagulabili ed estensibili praticamente all’infinito, chiamate quanti” particelle e onde.

Da notare che il termine “quanto” deriva dall’aramaico Ka + Want, cioè, etimologicamente, il luogo in cui abita “Colui che provvede” (da Ka = Colui + Want = provvidente). Sembra quasi che la scelta terminologica concepita dalla fisica quantistica per esprimere questo minuscolo “pacchetto” di energia, sia stata dettata sorprendentemente da un elemento coscienziale non casuale.

 

L’osservatore conferisce esistenza all’osservato

 La nuova nozione eretica era che non solo l’osservatore conferisse esistenza all’osservato, e viceversa, ma anche che nulla esistesse come una vera e propria cosa a sé stante, indipendentemente dalla percezione che se ne aveva; tant’è che oggi le grandi «regole del gioco» della scienza newtoniana e galileiana, come le definì l’acclamato fisico Richard Feynman, e la loro premessa centrale che le cose esistessero indipendentemente l’una dall’altra, sono definitivamente crollate.

 Bisogna riconoscere che, per pervenire a questa nuova percezione della realtà, sono occorse molta ispirazione e molta intenzione. Questo perché l’idea che la coscienza crei e possa addirittura influenzare l’Universo fisico ha dovuto sfidare la nostra attuale visione scientifica della coscienza, sviluppatasi dalle teorie del filosofo Renè Descartes, il quale sosteneva che la mente fosse separata dal corpo e in qualche modo diversa dalla materia, riproponendo così la perfetta separazione tra Spirito e Materia.

La Coscienza crea la nostra realtà.

La realtà che vede ognuno di noi riflette il livello di coscienza di sé come osservatore.


 

 

SCOPRI LA GRANDE EQUAZIONE: IO, L’UNIVERSO, DIO

 


ECCO ALTRI PRODOTTI CHE POTREBBERO INTERESSARTI


 

SCOPRI I LIBRI DELLA COLLANA SCIENZA E CONOSCENZA

 


Redazione - Scienza e Conoscenza
La redazione di Scienza e Conoscenza è composta da giornalisti e copywriter che collaborano con autori e ricercatori esperti nei campi della... Leggi la biografia
La redazione di Scienza e Conoscenza è composta da giornalisti e copywriter che collaborano con autori e ricercatori esperti nei campi della Medicina Integrata e della Fisica Quantistica. Si avvale di un prestigioso comitato scientifico che ha come membri: medici, fisici, ricercatori e scienziati che collaborano in modo continuativo con la... Leggi la biografia

Potrebbero interessarti altri articoli del blog



Abc della Salute Naturale
Omaggio Abc della Salute Naturale

Iscriviti a My Macro e ricevi questo omaggio!

Voglio ricevere Abc della Salute Naturale