Newsletter, Omaggi, Area acquisti e molto altro. Scopri la tua area riservata: Registrati Entra Scopri l'Area Riservata: Registrati Entra
Home / Blog / Medicina Non Convenzionale

Sistema immunitario e vaccinazioni intervista al dottor Giacomini

519 condivisioni


Gianpaolo Giacomini - 24/04/2017

Il dottor Gianpaolo Giacomini è medico chirurgo, omeopata, omotossicologo, e agopuntore.
Il dottor Giacomini ci ha colpito per la sua capacità di dare una visione a trecentosessanta gradi del sistema immunitario e di integrare, anche vista la sua giovane età, il sapere delle filosofie orientali che studia da oltre vent'anni, le medicine tradizionali, la naturopatia, l'iridologia, la nutrizione, il tutto mediato da una solida formazione classica data dalla laurea in Medicina e Chirurgia.

Dottor Giacomini, può dirci il suo punto di vista sui vaccini che vengono proposti dalle nostre ASL come prevenzione primaria già dai primi mesi di vita?

A questo proposito, vorrei stimolare una riflessione un po’ differente dalle tante argomentazioni che i miei colleghi “vaccino-cautelativi” propongono: tengo comunque a sottolineare che condivido pienamente le loro argomentazioni.

La prima cosa che mi chiedo quando vedo un bambino è: “Chissà che cosa questo cucciolo è venuto a fare al mondo? Quale sarà la sua missione terrena?”. Ritengo che, prima di pensare di proteggere un bambino da qualcosa che esiste in agguato al di fuori di lui (virus, batteri, parassiti ecc), dovremmo preoccuparci di favorire il riconoscimento di chi è lui! Il sistema immunitario di qualsiasi essere vivente, particolarmente quello umano, è preparato anzitutto nel riconoscere ciò che viene definito “self”, ovvero l’Io. Una volta riconosciutolo, tutto il sistema si specializza nella difesa da ciò che self non è, onde evitare di perdere la propria identità. Se ci pensiamo bene, le malattie infettive altro non sono che la conseguenza dell’invasione di esseri a noi differenti, che potrebbero portare l’essere ospitante alla morte in conseguenza della perdita della sua identità. Pensiamo ai virus, che utilizzano le nostre cellule per riprodursi, in quanto in natura essi sono esseri che senza un ospite non hanno possibilità alcuna di replicarsi. Quando un virus si impadronisce delle nostre cellule per i suoi comodi, allontana il corpo (in quanto struttura pluricellulare) dal suo progetto primario, che è quello di servire l’Io Spirituale attraverso l’Io fisico. Si verifica così una perdita di identità corporea. Lo spirito, allora (definiamolo anche “energia vitale”), mette in atto una serie di processi che scatenano eventi quali febbre, lisi cellulare ad opera di linfociti, macrofagi ecc. con l’obiettivo di liberare l’Io del corpo dall’invasione dell’Io alieno virale.

In pratica, il sistema immunitario riconosce la presenza di un “not self” e attiva il “self” per scacciare o arginare l’Io invasore: in questo modo noi riaffermiamo la nostra proprietà e individualità e abbiamo, ancora una volta, comunicato al mondo e a noi stessi che “ci siamo”! In seguito a una vaccinazione, in particolare se multipla, quali le esavalenti, si scatena una risposta massiva del sistema immunitario che si trova a dover lottare “virtualmente” (perchè di fatto non vi è una vera e propria infezione) contro una serie di invasori tra l’altro dotati di un “Io” estremamente forte.

Un tale scossone, provocato in un io corporeo ancora in fase di definizione (il bambino a due mesi ancora non ha una identità personale, né tantomeno immunitaria, ben definita e se allattato al seno condivide moltissimi aspetti caratteriali relativi alla madre attraverso il latte), può far perdere letteralmente l’identità cellulare determinando una disregolazione anche grave del sistema PNEI corporeo nella sua globalità.

Questa perdita di identità corporea è il preambolo del verificarsi di molteplici disfunzioni che possono nel tempo sfociare anche in forme patologiche gravi. Trovo assurdo, oggi, ricorrere alle vaccinazioni di massa in quei territori dove le patologie sono oramai scomparse da tempo, così come trovo assurdo vaccinare all’età di due mesi per patologie che a quell’età un bambino non contrarrebbe mai.

La questione vaccinazioni è delicata e vasta, poichè non è in gioco solamente la salute fisica di un individuo, ma anche e sopratutto la coerenza tra identità Spirituale (o energetica) e Io corporeo: è in questa coerente corrispondenza che ci si gioca non tanto la salute o la malattia nella nostra vita, quanto la nostra realizzazione interiore!


 

Questo articolo è tratto da Scienza e Conoscenza n. 51


 


Gianpaolo Giacomini
Gianpaolo Giacomini nasce a Vittorio Veneto (TV) nel 1978; si trasferisce per gli studi universitari a Bologna dove diviene medico chirurgo,... Leggi la biografia
Gianpaolo Giacomini nasce a Vittorio Veneto (TV) nel 1978; si trasferisce per gli studi universitari a Bologna dove diviene medico chirurgo, agopuntore, omeopata edomotossicologo. Iniziato alle arti marziali cinesi fin da tenera età, si interessa in seguito di Medicina Tradizionale Cinese, conseguendo la laurea in Medicina e Chirurgia con una... Leggi la biografia

519 condivisioni

Vaccini

postato da Paolo il 25/04/2017

E' proprio per farli ammalare e guadagnare soldi sulla sua pelle, se non muore prima, che vaccinano un bimbetto...poveretto...quando vedo un ago piantato nelle sue carni.

Potrebbero interessarti altri articoli del blog


Potrebbero interessarti


Libro in formato e-book:
Omaggio Libro in formato e-book: "Spiritual Mind"

Iscriviti a My Macro e ricevi questo omaggio!

Voglio ricevere Libro in formato e-book: "Spiritual Mind"