Newsletter, Omaggi, Area acquisti e molto altro. Scopri la tua area riservata: Registrati Entra Scopri l'Area Riservata: Registrati Entra
Home / Blog / Consapevolezza

IL REALE SEGRETO - Pareri Diversi

Consapevolezza

IL REALE SEGRETO - Pareri Diversi

Consapevolezza

IL REALE SEGRETO - Pareri Diversi


Peter Russel - 01/01/2016


Tu crei la tua realtà. Semplicemente “pensa positivo” e arriverai a possedere una nuova auto, un lavoro eccezionale, il partner perfetto e un sacco di soldi. Questo è il messaggio udito di più e con maggior frequenza, soprattutto in documentari popolari come the Secret, a seguito del successo di What the Bleep Do We Know!?
Per offrire evidenze concrete alle loro affermazioni, i produttori si rivolgono alle scoperte della fisica quantistica. Ma la fisica è realmente in grado di produrre delle prove per questo tipo di affermazioni?

La fisica quantistica descrive il cosiddetto "effetto osservatore", che si riferisce all'impatto che il semplice atto di osservare può avere sul fenomeno che viene osservato. I Fisici parlano a questo proposito del "collasso della funzione d'onda". La funzione d'onda descrive la probabilità di una particella osservata in uno dei suoi stati possibili. Quando un'osservazione è fatta, la funzione d'onda "collassa" e la particella viene osservata in uno stato particolare. Un'interpretazione popolare di ciò è che l'atto di osservare influenza la realtà fisica, "congelandola" all'interno di un certo stato. Di qui l'affermazione che creiamo la nostra stessa realtà, e l'importanza di tenere una visione positiva di un risultato desiderato.

La formulazione originaria, tuttavia, portata avanti dal premio Nobel Werner Heisenberg, afferma che è la nostra conoscenza del sistema che collassa. Niente, in realtà cambia, nel mondo reale; l'unica cosa che cambia è l'incertezza nella nostra stessa conoscenza.

Tuttavia, c'è un senso in cui si crea la propria realtà: si crea la propria personale esperienza della realtà. Prendiamo, per esempio, la capacità di vedere. La luce entra nell'occhio, innescando impulsi nervosi che viaggiano nel cervello. Lì, questi impulsi vengono analizzati e riuniti insieme in un'immagine. Pensiamo di vedere il mondo, ma quello che vediamo è una ricostruzione del mondo. Lo stesso vale per tutti i sensi: ascoltiamo il nostro stesso ascoltare, e così via. In questo modo, stiamo creando la nostra percezione della realtà.

Il percepire la realtà dipende in gran parte dalla nostra attitudine. Un'attitudine positiva è chiaramente un buon modo per cominciare e può, in parte, spiegare perché le cose talvolta si rivelano nel modo desiderato

Per es. ho scoperto che quando sono riposato, centrato e chiaro, le cose funzionano bene. Ma io non credo che questo sia perché sto "creando" il mondo intorno a me. Succede perché ho messo me stesso in un buon stato d'animo per raccogliere le opportunità.
Un altro fenomeno di fisica quantistica, che è spesso frainteso è la questione della "non-località". I teorici quantistici prevedono che le osservazioni in un luogo possono influenzare le osservazioni a lunga distanza. Einstein aveva respinto ciò come "azione fantasma a distanza" concludendo che qualcosa non andava con la teoria quantistica.

Nei primi anni del 1980, Alain Aspect, fisico francese, effettuò i primi esperimenti per testare la previsione. Egli ha mostrato che quando due particelle sono state create con stati quantici correlati (ad esempio, entrambi con lo stesso spin) e sono poi separate da una lunga distanza, i loro stati quantici restano in correlazione. Quando Aspect misurò lo spin di una particella, provocando la sua funzione d'onda al collasso in uno stato particolare, ha rilevato che la funzione d'onda della seconda particella collassava nello stesso stato, sebbene non si presentasse ora alcun modo in cui le due particelle potessero influenzarsi reciprocamente. Dal momento che la correlazione è immediata, alcune persone vedono questo come la prova di una comunicazione più veloce della luce, o di un campo ancora da scoprire al di là del tempo e dello spazio attraverso il quale siamo tutti collegati e attraverso il quale comunicare.

La maggior parte dei fisici, tuttavia, tendono a non saltare a tale conclusione così facilmente, poiché non comprendono appieno come questo fenomeno avvenga. Usano termini come "entanglement", nel senso che il rapporto tra le particelle è in qualche modo preservato su lunghe distanze.

Vi è una relazione non locale, che non può essere compresa nel nostro attuale modo di pensare. Sì, qualcosa d'insolito sta accadendo, ma non credo che dovremmo afferrare questi fenomeni dalla fisica subatomica per spiegare ciò che può accadere al nostro livello di esistenza.

Non sto dicendo che non dobbiamo pensare in positivo, o che non siamo interconnessi. Ciò che sto dicendo è che è scorretto usare la ricerca fisica attuale per convalidare tali affermazioni ed è altamente fuorviante presentarla come la verità ultima, o il "Grande Segreto"dell'universo. Tali affermazioni grander danno alle persone un falso senso di speranza.

Inoltre, l'affermazione che creiamo la nostra realtà può essere anche molto ingiusta nei confronti di coloro che sono malati o poveri. Il messaggio di The Secret suggerisce che anche loro sono responsabili del loro destino.

Ciò significa che le migliaia di persone senza tetto, in Bangladesh, a causa delle inondazioni soffrono perché non hanno una visione positiva?
La cosa più strana di questi film è che si ammantano di spiritualità, ma stanno, di fatto, sostenendo il contrario.
Con la loro attenzione sull'acquisire ricchezza materiale, rafforzano l'idea pericolosa che se non sei felice e in pace nella tua vita dipende da quello che hai, da che cosa fai e da come altre persone ti vedono.

Eppure quasi tutti i grandi maestri spirituali attraverso i tempi hanno detto che se sei felice dipende in ultima analisi da come ti senti al tuo interno, non dal fatto che hai una macchina più bella o un lavoro meglio pagato di qualcun altro.

Dire alle persone che possono raggiungere la felicità attraverso l'acquisizione di più cose rafforza solo la mentalità che ci conduce a estrarre sempre di più dal nostro pianeta e che finirà per guidare la nostra cultura verso l'estinzione. The Secret avrebbe veicolato un messaggio spirituale più potente, se avesse aiutato le persone a realizzare ciò.

Un cambiamento di coscienza è un mutamento nella percezione - un cambiamento nel modo in cui vediamo le cose. Il vero segreto - ed è un segreto solo perché continuiamo a dimenticarlo - è che abbiamo sempre una scelta nel modo in cui vediamo, sperimentiamo e interpretiamo la realtà. Questo è ciò che determina se saremo o meno felici e se troveremo o meno la pace.

Peter Russell è uno scienziato britannico con una laurea in fisica, autore di molti libri e produttore di tre film sulla coscienza  - .http://www.peterrussell.com
L'articolo che appare sul sito dell'autore è stato lì ripubblicato dalla rivista Ode 
- October 2007.)

Traduzione per scienzaeconoscenza.it di Elsa Masetti



Potrebbero interessarti altri articoli del blog


Libro in formato e-book:
Omaggio Libro in formato e-book: "Spiritual Mind"

Iscriviti a My Macro e ricevi questo omaggio!

Voglio ricevere Libro in formato e-book: "Spiritual Mind"