Newsletter, Omaggi, Area acquisti e molto altro. Scopri la tua area riservata: Registrati Entra Scopri l'Area Riservata: Registrati Entra
Home / Blog / Consapevolezza e Spiritualità

Cos'è la paura?

36 condivisioni


Valentina Balestri - 01/01/2016

Cos’è la paura?

 

Ho provato spesso a rispondere a questa domanda. 

 

Credo che la paura, per me, sia sentire quel dolore che ti leva il fiato, dolore scaturito da un momento o da un pensiero che non lascia scampo a ciò che di bello c’è nel mondo. 

Quando provo dolore, il mondo smette di essere importante e, per autodifesa, smetto di essere importante anche io e se io non sono importante, neppure il mio dolore lo è. 

 

Questa sera ho letto una frase molto bella di Charlotte Beck che recita: «Dobbiamo affrontare il dolore da cui siamo scappati e da cui stiamo scappando. In effetti, dobbiamo imparare a essere in pace e lasciare che il suo violento potere ci trasformi». 

 

Mi ha fatto riflettere molto. Pensare a come la paura e il dolore hanno condizionato la mia vita mi colpisce: la paura di non sentirsi accettata, da me stessa e dagli altri, mi ha trasformato? Ma soprattutto, senza tutto il dolore che da questa paura ha avuto origine, che tipo di persona sarei ora?

 

 

 

 

Il Potere straordinario dell'Accettazione Totale
Elimina paure, insicurezze e sensi di colpa
Voto medio su 5 recensioni: Buono

 

Estratto da “Il potere dell’accettazione totale”

 

Chi non conosce l’esperienza della paura? 

La paura è svegliarsi di notte, terrificati dal fatto di non poter andare avanti. La paura è l’ansiosa sensazione per il nostro corpo, la stretta e la pressione al cuore, la strangolante presa alla gola. La paura è il battere furioso del nostro cuore, le pulsazioni del nostro battito. La paura ci rende più difficile il respiro, accelerandolo e affannandolo. La paura ci dice che siamo in pericolo e poi spinge con urgenza a dare un senso a ciò che sta succedendo e a capire cosa fare. La paura si appropria della nostra mente con storie su ciò che andrà storto. La paura ci dice che perderemo il nostro corpo, la nostra mente, i nostri amici, la nostra famiglia, anche la terra. La paura è l’anticipazione del dolore futuro.

 

L’influenza della paura

Per ogni animale, finché il pericolo persiste, viene mantenuta l’attenzione sull’autoconservazione.

Solo nei mammiferi la cognizione e il ricordo interagiscono con l’influenza per creare l’emozione della paura.

Parte del nostro bagaglio di sopravvivenza, l’emozione della paura è formata dalle esperienze accumulate circa la nostra storia personale. L’influenza della paura che nasce in risposta alla nostra esperienza immediata si combina con il ricordo di eventi passati associati e degli effetti che provocano. Ecco perché alcuni di noi sono terrorizzati da cose che non hanno alcun senso di paura per altri. Mentre l’influenza della paura in se stessa dura solo qualche secondo, l’emozione della paura persiste finché l’influenza continua a essere stimolata da pensieri e ricordi spaventosi. 

 

Sentirsi inadeguati ci fa paura 

Sentirsi inadeguati va a braccetto con il sentirsi separati dagli altri, separati dalla vita. Se ci manca qualcosa, come possiamo trovare il nostro posto? Se non abbiamo da offrire niente di valore, non ci meritiamo di essere amati. È un circolo vizioso: più sentiamo che ci manca qualcosa, più ci sentiamo distanziati e la solitudine e l’ansia che accompagnano il senso di non appartenenza rinforzano solo la nostra percezione di essere fondamentale difettosi. 

Convinti di non essere abbastanza bravi, non possiamo mai rilassarci. Stiamo in guardia, controllando le nostre mancanze. Quando inevitabilmente le troviamo, ci sentiamo ancora più insicuri e immeritevoli. 

  

Obiettivo: accettarsi! 

Per molti di noi, la sensazione d’inadeguatezza è proprio dietro l’angolo.

Non serve molto, basta vedere i traguardi degli altri, essere criticati, litigare, fare un errore al lavoro, per farci sentire che non andiamo bene.

La volontà di sperimentare noi stessi e la nostra vita così com’è, è l’antidoto necessario agli anni in cui non ci siamo presi cura di noi stessi, anni di giudizi e di duri trattamenti, anni di rifiuto della “esperienza del momento”, anni in cui non siamo riusciti a essere felici

Iniziare semplicemente a riconoscere i nostri talenti e i nostri punti di forza, senza la necessità costante di rassicurazioni per sentirci speciali o superiori, è il primo passo verso l’accettazione di noi stessi. La strada è lunga, è vero, ma la meta vale la fatica.

 

 

 

Guarda attentamente.

Fai attenzione, nota.

Continua a guardare, sii curioso.

Non si finisce mai di guardare…

Tutto è vivo:

le conchiglie, gli edifici, le persone pesci.

Le montagne, gli alberi. Il bosco è vivo.

L’acqua è viva.

Ogni cosa ha la sua vita.

Tutto vive dentro di noi.

Vivi con il mondo dentro di te…

Importa che tu ci tenga.

Importa che tu senta.

Importa che tu noti.

Importa che la vita viva in te…

Guarda, senti, lascia che la vita ti prenda per mano.

Lascia che la vita viva in te.

  

Hokusai

 

 

 


 


Valentina Balestri
  Chi sono? Sono tutte le persone che ho incontrato, tutte le scelte che ho fatto, tutto ciò che i miei occhi hanno visto e le orecchie sentito... Leggi la biografia
  Chi sono? Sono tutte le persone che ho incontrato, tutte le scelte che ho fatto, tutto ciò che i miei occhi hanno visto e le orecchie sentito e sono follemente innamorata della vita.In più sono il sogno che ho: SCRIVERE.Collaboratrice per la rivista Scienza e Conoscenza, laureata in Economia e Commercio, diplomata in Agraria e con... Leggi la biografia

36 condivisioni

Potrebbero interessarti altri articoli del blog


Potrebbero interessarti


Libro in formato e-book:
Omaggio Libro in formato e-book: "Spiritual Mind"

Iscriviti a My Macro e ricevi questo omaggio!

Voglio ricevere Libro in formato e-book: "Spiritual Mind"