Newsletter, Omaggi, Area acquisti e molto altro. Scopri la tua area riservata: Registrati Entra Scopri l'Area Riservata: Registrati Entra

Come imparare l'autodisciplina

Scritto da: Danilo Maruca | Neuroscienze e Cervello

Come imparare l'autodisciplina

Diversi esperimenti scientifici rivoluzionari sono stati i protagonisti di scoperte davvero interessanti sull'essere umano, e uno di questi, in particolare, è abbastanza "controverso".

Un Esperimento Scientifico Rivoluzionario: Libet e il Libero Arbitrio

Nel 1983, Benjiamin Libet condusse un esperimento per capire quanto tempo intercorre tra il compiere un’azione e il tempo che ci vuole per diventarne consapevoli.

Alcuni soggetti che guardavano un punto su un quadrante di un orologio dovevano muovere un dito o il polso quando volevano e durante l’esecuzione dell'esperimento la loro attività cerebrale veniva registrata ed esaminata tramite un elettroencefalogramma. Dopo aver compiuto il movimento, i soggetti dovevano indicare dove si trovava il punto sul quadrante dell'orologio.

Con grande sorpresa di Libet, da questo esperimento risultò molto chiaro che il cervello dei soggetti decise di compiere il movimento circa 550 millisecondi prima di compierlo realmente, mentre i soggetti ne diventano consapevoli solo 300 millisecondi dopo che l'azione era avvenuta.

Quindi esiste uno "scarto di tempo" tra quando si compie un’azione e quando se ne diventa consapevoli. Ne diventiamo consapevoli solo dopo averla compiuta, anche se per via di alcuni meccanismi mentali a noi sembra di diventarne coscienti nel momento stesso in cui agiamo.

I risultati di questo esperimento e di altri molto simili sono al centro della discussione all'interno della comunità scientifica.

Il Libero Arbitrio e l'Autodisciplina

Indipendentemente dal fatto che esista o meno il libero arbitrio, sicuramente c'è una lezione importante da imparare su come gestire le proprie emozioni e cambiare vita. Indipendentemente dalle conclusioni che si traggono, esiste un legame tra l'esperimento di Libet e l'autodisciplina.

L'essere umano vive di reazioni più o meno consapevoli agli eventi che gli accadono: se una persona ti insulta la tua reazione di sentirti offeso è immediata o quasi. Se una persona ti riempie di complimenti la tua reazione di sentirsi gratificato è istantanea. Se vuoi imparare a cambiare la tua vita e a gestire le tue emozioni allora devi imparare a prendere il controllo delle tue reazioni.

Per imparare a gestire efficacemente le proprie reazioni bisogna auto-disciplinarsi. Esiste un principio fondamentale per imparare a gestire sé stessi e le proprie emozioni. Consiste nel rimandare la reazione il più possibile. Quando ti assale la rabbia, la paura, la gelosia o le altre emozioni negative bisogna imparare a rimandare il più possibile la reazione. Se preso dall'emozione negativa, reagisco come ho sempre fatto rimarrò schiavo di quell'azione.

Se invece rimando il più possibile la reazione allora nel tempo imparo a gestirla e a non compierla. Devi rimandare la voglia di lamentarti, di gridare, di arrabbiarti e cercare di non reagire per evolvere.

Ci vuole la disciplina di un guerriero Spartano.

Per approfondire: www.drittoallameta.it


 

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi questa rivista!

 



Potrebbero interessarti