Newsletter, Omaggi, Area acquisti e molto altro. Scopri la tua area riservata: Registrati Entra Scopri l'Area Riservata: Registrati Entra

Cosa sono e come vengono preparati i gemmoderivati?

Scritto da: Stefano Puri | Medicina Non Convenzionale

Cosa sono e come vengono preparati i gemmoderivati?

I gemmoterapici, rimedi naturali espressione della moderna fitoterapia, si caratterizzano per un’attività medicamentosa tipica ascrivibile, come già argomentato in un precedente articolo, all’utilizzo della parte embrionale delle piante (meristema) e all’uso di particolari metodi di preparazione, assimilabili a quelli omeopatici. Con riferimento ai procedimenti produttivi, quelli attualmente più seguiti e testati rispettano, per la gran parte, la Farmacopea Francese che dal 1965 descrive dettagliatamente le varie fasi del processo di estrazione e preparazione dei gemmoterapici.

Come si preparano i gemmoderivati

I tessuti embrionali utilizzati sono raccolti nel loro tempo balsamico, fine inverno e inizi primavera, al momento in cui è massima la concentrazione dei principi attivi. Tali tessuti possono riguardare: gemme, boccioli, giovani radici, amenti, linfa, semi o altri tessuti embrionali in fase di crescita. Questi ultimi, una volta raccolti allo stato fresco, sono sottoposti a pulitura e alla determinazione del grado di umidità e del peso secco. Successivamente, vengono sottoposti ad appropriata triturazione per agevolare l'operazione estrattiva da parte del solvente. Il materiale, pulito e triturato, viene quindi posto a macerare per tre settimane in una soluzione di alcol a 96° e glicerolo (1:1) la cui quantità è calcolata in modo da ottenere un prodotto con un rapporto D/S (droga/solvente) pari a 1:20 in peso secco (equivalente al 5% del solvente). A macerazione conclusa si decanta e si filtra.
A questo punto si è ottenuto il Macerato glicerico (M.G.) di base; questo viene poi diluito in proporzione di 1:10 con una nuova miscela formata da acqua-alcol-glicerina preparata a parte e composta da 50 parti in peso di glicerina, 30 parti di alcol e 20 parti di acqua. Si ottiene così un macerato alla prima diluizione decimale (1 DH) che viene definito come M.G. 1 DH (non è prevista alcuna attività di dinamizzazione di tipo omeopatico). Secondo gli esperti tale concentrazione assicura, dal punto di vista clinico, un optimum terapeutico rappresentando la forma galenica più costante; una concentrazione più forte, infatti, potrebbe provocare fenomeni di intolleranza mentre una più debole avrebbe un’attività irregolare.
Su 100 grammi di macerato devono essere presenti 0,50 g di prodotti di estrazione di gemme disidratate, ad eccezione di Buxus sempervirens e di Viscum album che essendo diluiti alla prima centesimale (1 CH) contengono l'equivalente di 0,05 g di gemme disidratate. Di norma il grado alcolico raggiunto dai rimedi oscilla tra i 36-38°. Tale procedimento, grazie alle forti assonanze con quello omeopatico, ha il pregio, oltre che renderne sicuro l’uso, di potenziare la connotazione informazionale del gemmoterapico, contribuendo alla sua natura di fitoterapico di “nicchia”. Altri procedimenti, meno diffusi, si fermano al macerato di base prevedendone il consumo tal quale senza, pertanto, alcuna diluizione (in questo caso la somministrazione viene ridotta in proporzione). 

Bibliografia:

  • “Meristemoterapia e Terreno Biologico Umano -   Un possibile connubio per il benessere”, tesi di diploma di naturopatia olistica di S. Puri – Università Popolare AICTO;
  •  “Gemmoterapia – Nuovi Studi clinici– di M. Tetau Ed. Nuova IPSA.
  • “Gemmoterapia. Fondamenti scientifici della moderna meristemoterapia” – M. Nicoletti, F. Piterà Ed. Nuova Ipsa

 

Leggi anche



Potrebbero interessarti