Newsletter, Omaggi, Area acquisti e molto altro. Scopri la tua area riservata: Registrati Entra Scopri l'Area Riservata: Registrati Entra

Alzheimer: affrontarlo la medicina non convenzionale. L'esempio dell’Ayurveda

Scritto da: Marianna GUALAZZI | Medicina Non Convenzionale

Alzheimer: affrontarlo la medicina non convenzionale. L'esempio dell’Ayurveda

Il punto fondamentale, quando si parla di medicina convenzionale e di medicine tradizionali, non convenzionali e integrate, è che mentre la realtà è una sola, esistono infiniti modi di osservarla e studiarla, e ognuno di essi coprirà solo una parte. Secondo il dottor Antonio Morandi, neurologo e medico ayurvedico: «La collaborazione fra i diversi sistemi di conoscenza porta a un aumento delle possibilità di descrizione dei fenomeni e quindi a una maggiore comprensione. Questo è un punto molto delicato e attualmente fonte di considerevole confusione. L’integrazione deve essere intesa come collaborazione non come fusione fra i sistemi. Una fusione porta a una perdita dei riferimenti epistemologici dei singoli sistemi o al massimo al prevalere di uno sull’altro. In entrambi i casi non si pongono le condizioni per il cambiamento di paradigma che è alla base di ogni grande scoperta scientifica».
Seguendo questa prospettiva abbiamo chiesto al dottor Morandi come l’Ayurveda affronta l’Alzheimer, una patologia in continua crescita per la quale la medicina convenzionale non ha ancora trovato una cura.

Nei Paesi occidentali la malattia di Alzheimer è andata notevolmente diffondendosi negli ultimi anni. I casi sono in aumento e anche l'età di manifestazione della malattia sembra abbassarsi. La medicina convenzionale ha analizzato il problema e ipotizzato diverse cause, ma ancora non è arrivata, secondo la sua visione parcellizzata dell'organismo, a una individuazione reale dell'agente patogeno preciso o del quadro eziologico completo. L'Ayurveda, che affronta l'essere umano nella sua totalità, che interpretazione dà a questa malattia? A quali cause la fa risalire?

La ringrazio per la precisione della domanda, perché lei mi chiede correttamente come l’Ayurveda interpreta la malattia di Alzheimer e non, come spesso accade, come l’ayurveda la descrive. È infatti bene premettere che non è corretto effettuare un confronto uno a uno fra le patologie descritte in ayurveda e quelle descritte dalla medicina convenzionale; questo perché avendo basi epistemologiche diverse anche l’identificazione delle patologie è diversa. E questo è valido per tutte le patologie.

La lettura che l’Ayurveda fa della malattia di Alzheimer, così come viene descritta dalla medicina convenzionale, è senz’altro quella di una perdita di coerenza dell’integrazione delle percezioni sensoriali, una perdita quindi della funzione propria di Manas, come l’Ayurveda definisce il concetto di mente, che successivamente porterà a una progressiva perdita di coerenza della struttura dell’intero organismo. È importante infatti che in Ayurveda corpo e mente sono considerate la stessa cosa, un continuum di densità di materia, da molto densa a estremamente sottile, in continua connessione quindi e mutua influenza. Per l’Ayurveda Manas (la mente) è una sostanza dotata di azione e qualità e può quindi influenzare il corpo ed esserne direttamente condizionata a sua volta. Le percezioni, la loro elaborazione, la memoria, sono tutte costituenti di Manas che contribuiscono, nella loro coerenza e armonia, a definire la nostra sensazione di individualità e identità. La perdita di coerenza e coesione di questo sistema porta a una progressiva disintegrazione dell’integrità percettiva, a una dissociazione del modello di realtà e a un blocco dell’accesso o a un uso distorto delle memorie. Cosa che effettivamente si riscontra nella progressione clinica della malattia di Alzheimer.

Riguardo alle cause, anche qui è bene fare una premessa. Secondo l’Ayurveda esistono diverse costituzioni individuali che, oltre a definire le caratteristiche personali naturali e fisiologiche, suggeriscono anche i disturbi e le patologie cui ognuno è predisposto sulla base appunto delle caratteristiche specifiche delle varie tipologie. Da questo ne consegue che una stessa causa si potrà manifestare in modo diverso secondo le costituzioni individuali. Sulla base dell’analisi costituzionale di una persona è possibile individuare le possibili predisposizioni ed effettuare una vera prevenzione attiva. Questo concetto è alla base del notevole valore preventivo dell’Ayurveda. In considerazione delle caratteristiche con cui la malattia di Alzheimer si esprime a livello cellulare e si manifesta a livello clinico, e attraverso un’adeguata lettura ayurvedica considerando quindi le qualità percepibili, si può dire che la causa è legata a un eccesso di stimoli che causano secchezza, disidratazione, rigidità, interruzione delle comunicazioni, separazione, disconnessione. Sono tutte manifestazioni in relazione all’invecchiamento oppure, volendo fare degli esempi, collegate a traumi fisici e psicologici, alla cronica eccessiva o inadeguata assunzione di cibi, di farmaci o all’esposizione a fattori ambientali e sostanze inducenti le sopracitate qualità


Continua la lettura dell'intervista al dottor Antonio Morandi
su Scienza e Conoscenza 61


Leggi anche:

 



Potrebbero interessarti