Newsletter, Omaggi, Area acquisti e molto altro. Scopri la tua area riservata: Registrati Entra Scopri l'Area Riservata: Registrati Entra

SUPERFOOD: scopri le proprietà benefiche di tanti alimenti

Scritto da: Marco Medeot | Alimentazione e Salute

SUPERFOOD: scopri le proprietà benefiche di tanti alimenti

L'ANANAS

Questo frutto esotico contiene un enzima proteolitico chiamato bromelina, divenuto famoso soprattutto per le sue naturali proprietà antinfiammatorie ed analgesiche. Viene comunemente usato per ridurre i gonfiori causati da contusioni, nonché come rimedio di alcuni disturbi legati alle infiammazioni, come l'asma, l'osteoartrite, la sinusite e le ulcere. Infine, sembra utile anche per gli sportivi che vogliono recuperare più velocemente dai dolori muscolari.


IL CIOCCOLATO

Il cioccolato presso i veniva chiamato kakaw uhanal, ovvero "cibo degli Dei". Contiene infatti una svariata gamma di elementi nutritivi: acidi grassi, minerali come il magnesio (associato al rilassamento del sistema nervoso), rame, potassio, calcio e polifenoli. I polifenoli comprendono una grande varietà di composti, ma il cacao è particolarmente ricco di flavonoidi, tra cui epicatechine, catechine e procianidine dalle funzioni antiossidanti, immunoprotettive e cardioprotettive. In particolare, la teobromina, un alcaloide naturalmente presente nel cacao è associata alla vasodilatazione e al miglioramento delle funzioni vascolari soprattutto a livello coronarico. Inoltre il cioccolato agisce come uno stimolante e come diuretico, vista la presenza della caffeina.


LA CANNELLA

Squisita spezia usata nella cucina, soprattutto per la realizzazione dei dolci, la cannella contiene diversi agenti bioattivi. I cinnamaldeidi danno cannella il tipico aroma, la cumarina contribuisce al sapore intenso, e diversi composti compresi i polimeri metil-idrossi-calconi (MHCP) che contribuiscono a potenziare gli effetti dell'insulina. Al di là dei tre composti elencati, la cannella anche contiene tannini, flavonoidi, glicosidi, terpenoidi e antrachinoni. Usata da secoli come rimedio per disturbi digestivi, più recentemente sono state scoperte le sue proprietà nel regolare la glicemia e nel migliorare la resistenza all'insulina. Per gli sportivi, la cannella sembra associata ad un migliore ripristino del glicogeno muscolare e ad un miglioramento della sintesi proteica, probabilmente a causa delle proprietà insulino-simili.

IL COCCO

Chi non conosce questo frutto esotico? Oltre ad essere buonissimo, il cocco è una ricca fonte di trigliceridi a catena media, noti anche come MCT, una classe particolare di acidi grassi che si comportano più come un carboidrato che come un grasso e sembrano essere associati ad un innalzamento del tasso metabolico. Per questo motivo vengono usati dagli sportivi a scopo dimagrante ed energetico. Sembra che i grassi contenuti nel cocco siano utili anche a potenziare le difese immunitarie. L'acqua e il latte di cocco sono ottimi reidratanti e aiutano a limitare il calo delle prestazioni sportive associato alla disidratazione.

IL POMODORO

Alimento rappresentativo della dieta mediterranea, il pomodoro è ricco di licopene, un potente antiossidante appartenete alla famiglia dei carotenoidi. In generale i carotenoidi sono efficaci antiossidanti, grazie alla loro efficacia come scavenger (letteralmente spazzini) di radicali liberi. Tra i carotenoidi il licopene sembra essere il più efficiente oxygen quencher, grazie alla presenza di due ulteriori doppi legami rispetto alla struttura degli altri carotenoidi. Già nel 1980 gli studi hanno dimostrato che le persone che mangiavano grandi quantità di pomodori avevano molto meno probabilità di morire di cancro. In particolare, gli scienziati hanno scoperto che un integratore di olioresina contenente 30 mg di licopene diminuisce il rischio di contrarre il cancro alla prostata.
Ma i benefici del licopene si estendono anche al benessere della pelle, viste la sua capacità di aumentare il fattore di protezione solare (SPF).
Sembra inoltre che nei pazienti affetti da degenerazione maculare abbiano i livelli di questo antiossidante particolarmente basso. Si ritiene quindi che il licopene possa ridurre il rischio di contrarre questa malattia.
Abbiano anche evidenze secondo cui i pomodori possano anche svolgere un ruolo nel ridurre il rischio di malattie cardiovascolari. La funzione antiossidante del licopene, combinata con gli altri potenti antiossidanti contenuti nei pomodori (vitamina C e beta-carotene in primis), aiutano a neutralizzare i radicali liberi potenziali cause di infiammazione e di progressione dell'aterosclerosi.
In uno studio, gli scienziati hanno scoperto che gli uomini che hanno subito attacchi di cuore presentano livelli di licopene più bassi. In un altro ampio studio che ha confrontato i livelli di carotenoidi tra i pazienti di dieci paesi diversi, licopene è risultato essere il più protettivo contro gli attacchi di cuore.

L'AGLIO

L'aglio è una vera e propria medicina naturale. Soprattutto quando servito crudo e tritato, l'aglio esplica numerosi effetti antibiotici e antivirali. In combinazione con altre fonti naturali di vitamina C ed E aiuta a rafforzare il sistema immunitario.
Una delle proprietà più potenti dell'aglio riguarda la protezione dei vasi sanguigni: molti studi affermano che l'aglio può aiutare a ad far regredire alcuni sintomi correlati alle cardiopatie. Mangiare regolarmente aglio abbassa infatti la pressione e contribuisce a rimuovere i depositi di calcio nelle arterie. I depositi di calcio sono correlati in diversi studi con l'insorgenza di attacchi di cuore e ictus. Inoltre , l'aglio si è dimostrato in grado di abbassare i livelli di omocisteina nel sangue, un marker delle infiammazioni e delle cardiopatie.
 


Bibliografia
2011 Nov 15;15(10):2779-811. Cocoa and chocolate in human health and disease.
Fisher, N. et al. (2003) Flavonal-rich cocoa induces nitric acid-dependent vasodilatation in healthy humans. J. Hypertension. 21:2281-2286.
Bhui K, et al. Bromelain inhibits COX-2 expression by blocking the activation of MAPK regulated NF-kappa B against skin tumor-initiation triggering mitochondrial death pathway.Cancer Lett. (2009)
Miller PC, et al. The effects of protease supplementation on skeletal muscle function and DOMS following downhill running. J Sports Sci. (2004)
Ley CM, et al. A review of the use of bromelain in cardiovascular diseases. Zhong Xi Yi Jie He Xue Bao. (2011)
A Double-Blind Clinical Evaluation Of Bromelains In The Treatment Of Acute Sinusitis
Kirkham S, et al. The potential of cinnamon to reduce blood glucose levels in patients with type 2 diabetes and insulin resistance. Diabetes Obes Metab. (2009)
Khan A, et al. Cinnamon improves glucose and lipids of people with type 2 diabetes. Diabetes Care. (2003)
Han JR, et al. Effects of dietary medium-chain triglyceride on weight loss and insulin sensitivity in a group of moderately overweight free-living type 2 diabetic Chinese subjects.Metabolism. (2007)
Papamandjaris AA, et al. Endogenous fat oxidation during medium chain versus long chain triglyceride feeding in healthy women. Int J Obes Relat Metab Disord. (2000)
Binnert C, et al. Influence of human obesity on the metabolic fate of dietary long- and medium-chain triacylglycerols. Am J Clin Nutr. (1998)
Geliebter A, et al. Overfeeding with medium-chain triglyceride diet results in diminished deposition of fat. Am J Clin Nutr. (1983)
Does medium chain triglyceride play an ergogenic role in endurance exercise performance?
Hawley JA, Brouns F, Jeukendrup A. Strategies to enhance fat utilisation during exercise. Sports Med. (1998)
Horowitz JF, et al. Preexercise medium-chain triglyceride ingestion does not alter muscle glycogen use during exercise. J Appl Physiol. (2000)
Misell LM, et al. Chronic medium-chain triacylglycerol consumption and endurance performance in trained runners. J Sports Med Phys Fitness. (2001)
Rele AS, Mohile RB. Effect of mineral oil, sunflower oil, and coconut oil on prevention of hair damage. J Cosmet Sci. (2003)
Mhaskar S, et al. Hair breakage index: an alternative tool for damage assessment of human hair. J Cosmet Sci. (2011)
Keis K, Huemmer CL, Kamath YK. Effect of oil films on moisture vapor absorption on human hair. J Cosmet Sci. (2007)
Ippagunta S, et al. Dietary conjugated linoleic acid induces lipolysis in adipose tissue of coconut oil-fed mice but not soy oil-fed mice. Lipids. (2011)
Exp Biol Med (Maywood). 2002 Nov;227(10):881-5. Effects of lycopene supplementation in patients with localized prostate cancer.
Fuhrman, B., et al. Lycopene synergistically inhibits LDL oxidation in combination with vitamin E, glabridin, rosmarinic acid, carnosic acid, or garlic. Antioxid Redox Signal 2000;2:491–506.
Giovannucci, E. Tomatoes, tomato-based products, lycopene, and cancer: review of the epidemiologic literature. J Natl Cancer Inst 1999;91(4):317–31.
Hadley, C.W., et al. The consumption of processed tomato products enhances plasma lycopene concentrations in association with a reduced lipoprotein sensitivity to oxidative damage. J Nutr 2003;133(3):727–32.
Khachik, F., et al. Lutein, lycopene, and their oxidative metabolites in chemoprevention of cancer. J Cell Biochem 1996;22(suppl):236–46.
Ribaya-Mercado, J.D., et al. Skin lycopene is destroyed preferentially over betacarotene during ultraviolet irradiation in humans. J Nutr 1995;125(7):1854–9.
Rissanen, T.H., et al. Low serum lycopene concentration is associated with an
excess incidence of acute coronary events and stroke: the Kuopio Ischaemic Heart Disease Risk Factor Study. Br J Nutr 2001;85(6):749–54.
Indian J Physiol Pharmacol. 2005 Jan;49(1):115-8. Effect of garlic (Allium sativum) oil on exercise tolerance in patients with coronary artery disease.
Circulation. 1997 Oct 21;96(8):2649-55. Protective effect of chronic garlic intake on elastic properties of aorta in the elderly.
Cochrane Database Syst Rev. 2013 Apr 30;4:CD000095. Garlic for peripheral arterial occlusive disease.
Clin Investig. 1993 May;71(5):383-6.Effects of garlic coated tablets in peripheral arterial occlusive disease.
Mediators Inflamm. 2013;2013:285795. Aged garlic extract improves adiponectin levels in subjects with metabolic syndrome: a double-blind, placebo-controlled, randomized, crossover study.



Potrebbero interessarti